menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Medicina del lavoro, chiusura del reparto inopportuna oggi più di ieri"

La Uil torna a denunciare l'assenza di sorveglianza sanitaria all'indomani della pubblicazione dello studio epidemiologico sullo stato di salute della popolazione di Taranto

BRINDISI - "Chiusura inopportuna, a suo tempo, del reparto di Medicina del Lavoro dell’ospedale “Di Summa” di Brindisi in un territorio ad alta concentrazione industriale": la Uil torna a denunciare l'assenza di sorveglianza sanitaria all'indomani della pubblicazione dello studio epidemiologico sullo stato di salute della popolazione di Taranto.

Antonio Licchello"Infuria la polemica tra il governatore della Puglia Emiliano ed il governo centrale sui danni che l’Ilva ha procurato alla salute dei tarantini", scrive in una nota il segretario generale dell'organizzazione sindacale, Antonio Licchello (nella foto accanto). "Lo studio epidemiologico, appena pubblicato, sullo stato di salute della popolazione di Taranto e dei comuni più vicini allo stabilimento siderurgico ed all’area industriale ha allarmato l’Istituzione regionale perché non accetta che con il Ministero dell’ambiente non ci sia stata “alcuna forma di coinvolgimento della regione nella procedura di modifica o integrazione al piano delle misure delle attività di tutela ambientale e sanitaria”.

"Siamo convinti invece che questa situazione  merita di essere affrontata dalla politica nazionale e regionale in sintonia. Al contrario rischia di diventare una sterile e pericolosa contrapposizione tra Istituzioni, lasciando allo sbaraglio chi ha bisogno di assistenza e controllo sanitario. Si litiga su chi deve o non deve fare cosa, di chi sono le competenze e chi deve decidere. Intanto il tempo passa, i problemi rimangono, anzi aumentano. In questa vicenda quello che la Uil territoriale intravede è la scarsa coerenza tra la preoccupazione per la salute dei cittadini pugliesi e di riflesso anche dei brindisini ed il piano di riordino ospedaliero regionale che prevede la chiusura di importanti strutture specialistiche sanitarie nella nostra regione. Un paradosso che colpisce la collettività nei bisogni essenziali", si legge nella nota. 

"Il reparto di Medicina del Lavoro dell’ospedale “Di Summa” di Brindisi in un territorio ad alta concentrazione industriale  svolgeva un compito indispensabile monitorando, insieme all’Arpa provinciale e regionale, anche lo stato di salute della comunità brindisina. Una struttura che invece avrebbe dovuto, se mantenuta in efficienza, garantire quello che oggi il governatore lamenta: sorveglianza sanitaria e dati epidemiologici e ambientali. Proprio quello che ha deciso di fare servendosi del servizio sanitario del Lazio.

Per questo riteniamo sia mancata una attenta programmazione nel settore sanitario locale e regionale che, nel tempo, avrebbe consentito di controllare e gestire situazioni che oggi sono giustamente ritenute un problema fondamentale per la salute dei cittadini. In questo caso la responsabilità delle decisioni è da attribuire alla leggerezza di una classe politica che guarda agli interessi del momento senza preoccuparsi di prevedere, programmare in tempo utile i cambiamenti necessari per tutelare la salute delle persone e, contestualmente, assicurare la crescita economica e lo sviluppo sostenibile nell’interesse di tutta la collettività locale e regionale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento