menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Screti è un po' confuso: lui non aveva neppure i soldi per pagare i suoi dipendenti"

Bruno replica alle dichiarazioni rese al pm dall'imprenditore Luca Screti: "Non sono schizofrenico, io all'epoca non ero sindaco di Francavilla Fontana e neppure presidente della Provincia

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota di Maurizio Bruno, presidente della Provincia, in relazione alle dichiarazioni rese da Luca Screti in sede di interrogatorio davanti al pm

Leggo su BrindisiReport che Luca Screti, imprenditore arrestato lo scorso febbraio, avrebbe ricevuto richieste di posti di lavoro nella sua ditta (la "Nubile"), oltre che da Consales, anche da altri politici locali. Tra questi anche da Maurizio Bruno. In particolare Screti ha detto ai magistrati che tutto ciò sarebbe accaduto dopo avermi incontrato in veste di Presidente della Provincia nella primavera del 2014.

Ora, posto che a queste dichiarazioni devono aver dato poco credito e peso anche gli stessi magistrati dal momento che, a differenza di altri tirati in ballo da Screti, io non risulto nemmeno indagato. Ma io nella primavera del 2014 non solo non ero presidente della Provincia (lo sarei diventato mesi dopo), ma nemmeno sindaco!

Allora, a scanso di equivoci, faccio chiarezza io. Io, da presidente della Provincia, ho incontrato Screti. E l'ho incontrato (come testimonia questa foto) il 19 dicembre 2014 su richiesta dei Cobas di Bobo Aprile, che lamentavano il mancato pagamento degli stipendi agli operai della sua ditta. Poi Screti l'ho anche chiamato, alcuni giorni dopo, per accertarmi che le promesse fatte ai suoi dipendenti - ricominciare a pagarli - fossero state mantenute. Ora, mi spiegate a rigor di logica come potrei mai io incontrare per la prima volta un imprenditore, incontrarlo perché non ha i soldi nemmeno per pagare i dipendenti che già ha, e in quell'occasione chiedergli di assumere pure due altre persone?! Per carità, lui è evidentemente un po' confuso sbagliandosi non di giorni o settimane, ma di mesi (e ce ne vuole), ma io di certo schizofrenico non lo sono. 

Tutto questo, e concludo, avrei potuto anche evitare di precisarlo, sia perché non sono indagato, sia perché non mi è stato chiesto un parere in merito, sia perché quelle dichiarazioni si smentiscono da sole. Ma io ombre sul mio conto non ne voglio. E come ho detto ieri per me la chiarezza e la trasparenza vengono prima di ogni cosa.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il razzo spaziale cinese cade vicino alle Maldive: Puglia "risparmiata"

social

Festa della mamma: quando si festeggia e perché

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento