menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“Mamma, comando io: voglio i soldi da tuo nipote, altrimenti lo denuncio”

Le intercettazioni tra Bernardo Curto, ritenuto il capo del gruppo, e la madre: "Giuseppe Leone e Rocco Nisi devono aiutarmi a pagare l'avvocato". Incastrato anche dall'antifurto Gps che lui stesso aveva installato. Mistero su una pistola e 20 proiettili, caccia ai complici

BRINDISI – “Io comando: mamma devi dire a quello, a tuo nipote, che lui e l’altro mi devono dare i soldi perché devo pagare l’avvocato per il ricorso al Riesame. Altrimenti li denuncio e dico che anche loro stavano con me alle rapine”.

CURTO Bernardo-4Ci sono anche le intercettazioni in carcere tra i gravi indizi di colpevolezza a carico di Bernardo Curto, 30 anni, arrestato oggi con l’accusa di essere il capo del gruppo che prendeva di mira le anziane del Brindisino, per rubare catenine e orecchini in oro. Sono conversazioni tra Curto e la madre, registrate nella sala colloqui nella casa circondariale di Brindisi, qualche giorno dopo l’arresto in flagranza del 30enne, avvenuto il 9 settembre dello scorso anno.

Quei dialoghi da un lato mostrano che la madre dell’indagato fosse a conoscenza di tutto, dall’altro evidenziano il coinvolgimento di altre persone, più esattamente di Giuseppe Leone, cugino materno, e Rocco Chirico, ai quali il messaggio di Curto sarebbe rivolto per ottenere il denaro necessario al pagamento della parcella del penalista al quale era stato chiesto di presentare ricorso al Riesame per ottenere almeno i domiciliari.

Gli arresti a casa non sarebbero stati la stessa cosa della detenzione in carcere, stando a quando sostenuto da Curto: “In cella almeno parlo con i miei amici”, avrebbe detto. Il retroscena è emerso nel corso della conferenza stampa di oggi in Procura.

conforti, dinapoli, maggio, rapino-2Stralci dei colloqui sono riportati nell’ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip del Tribunale, Stefania De Angelis, ed eseguita all’alba dai carabinieri, in aggiunta al percorso dell’auto, un’Alfa 147, ricostruito con il sistema di antifurto-Gps che lo stesso Curto avrebbe fatto installare per essere sicuro che nessuno avrebbe mai toccato la “sua” vettura, mezzo usato ogni giorno nel lasso di tempo oggetto dell’inchiesta. Quel Gps lo ha tradito di lì a poco, visto che i militari hanno avuto conferma ai sospetti e ai tragitti ricostruiti a distanza unendo l’osservazione dell’indagine vecchio stampo alle celle telefoniche agganciate dai cellulari.

A Curto così come a Rocco Chirico, l’ordinanza è stata notificata in carcere, dove peraltro il 19 maggio scorso è stata notificato il dispositivo della sentenza di condanna alla pena di quattro anni di reclusione, al termine del processo con rito abbreviato in relazione al furto con strappo consumato il 9 settembre 2015. Uno dei 14 episodi contestati nel provvedimento di arresto che si riferisce ad un arco temporale di appena venti giorni.

“Dopo tre rapine commesse a San Vito dei Normanni, Cellino San Marco e Mesagne, i due – Curto e Chirico – erano entrati in una gioielleria di Francavilla Fontana, dove erano stati fermati dai carabinieri”, si legge nel paragrafo in cui il gip descrive la personalità degli indagati e i ruoli rivestiti.

“Non vi è dubbio che un ruolo di primo piano, nell’ambito dell’organizzazione sia quello di Curto il quale da un lato, pur prendendo parte a tutte le azioni delittuose, solo raramente si espone in prima persona, mentre sono quasi sempre i complici ad aggredire le anziane, e dall’altro pretende un contributo in denaro per pagare le spese legali”, scrive il gip. “Di fronte alle resistenze di Leone e Curto, non avrebbe esitato a denunciarli per le numerose rapine commesse.

“Emerge anche che Curto avrebbe dovuto ricevere mille euro da Leone al quale doveva dare ‘quella cosa’ e che comunque non avrebbe avuto difficoltà, uscito dal carcere, a procurarsi denaro”. Non solo. E’ emerso anche che “Bernardo Curto aveva nascosto una pistola e venti proiettili proprio nell’auto usata per commettere le rapine, arma che riusciva verosimilmente a fare sparire, grazie alla complicità di persone non identificate, mentre la vettura era in sequestro”. L’arma non è stata mai trovata, la caccia ai complici va avanti. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento