menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Msc Crociere sceglie la spiaggia Mezzaluna T-Beach di Santa Sabina

Il lido tenuto a battesimo 31 anni fa da Salvatore Lanzillotti inserito, da questa stagione, fra le mete delle escursioni nel Brindisino: "Mare cristallino, dune, macchia mediterranea a cucina tipica per accogliere i turisti"

BRINDISI – Mare cristallino, sabbia dorata abbracciata da dune e macchia mediterranea, contorno di piatti tipici della cucina brindisina e accoglienza familiare: è bastata una foto della spiaggia Mezzaluna T-Beach di Torre Santa Sabina, seguita da un sopralluogo,  per conquistare il tour operator della Msc Crociere, sino a diventare da quest’anno meta per i turisti dopo lo scalo a Brindisi.

t beach msc-2

La bandiera della compagna Msc sventola ogni lunedì mattina tra i gazebo di colore bianco e gli arredi, rigorosamente chiari, che al tramonto cambiano sfumature con le candele accese che si riflettono nello specchio d’acqua a forma di mezzaluna. All’inizio della settimana questo tratto di spiaggia in concessione diventa il paradiso per i crocieristi che scelgono di scendere a terra per visitare la provincia. Sulla nave che parte da Venezia e sosta nel porto di Brindisi, T-Beach è stata inserita nelle escursioni organizzate per la giornata.

Per domani c’è già la prenotazione di un gruppo di crocieristi, solo in parte italiani, perché nella comitiva di escursionisti figurano giapponesi, tedeschi e inglesi per i quali l’Italia, la Puglia e il Salento meritano di essere visitati. “Wonderful”, dicono. Ad accoglierli ci sono marito e moglie, Salvatore Lanzillotti e Luisa Camposeo, sposati dal 1988: due anni prima hanno tenuto a battesimo la spiaggia, scommettendo sul turismo che, nel corso del tempo, è diventato la loro stessa vita.

Per la Mezzaluna T-Beach, quest’anno, la stagione estiva ha portato 31 candeline con un riconoscimento importante arrivato da Msc. L’unica spiaggia a queste latitudini. Il merito? “La natura: dove si trova uno spettacolo di questo tipo?”, chiede Lanzillotti, diploma conseguito all’istituto alberghiero e una passione per tutto quel che attiene al mare, alla spiaggia e al turismo.

mezza luna tramonto-2

Con quel “pezzo di carta” in tasca, ha iniziato a lavorare in Emilia Romagna, tra Rimini e Riccione: “Bei posti, ma io volevo tornare a lavorare nella mia terra”, dice. “Io qui ci sono nato ed è qui che volevo fare qualcosa”. Ha dapprima incontrato l’amore: “Ho conosciuto Luisa nel lontano 1977”. Non si sono più lasciati. Nel 1986 hanno inaugurato la spiaggia della Mezzaluna, nel tempo diventata T-beach, partendo dall’iniziale del nome con il quale qui nella marina di Carovigno tutti conoscono Salvatore Lanzillotti, Toruccio, un diminutivo: “Il tocco di classe, lo ammetto, è solo suo. E’ mia moglie che cura i dettagli, dalle candele alle stelle marine e alle conchiglie che in alcuni angoli del lido sono diventate tende”.

Per i turisti della Msc, è stato riservato un angolo in occasione di ogni scalo a Brindisi: ad attenderli all’ingresso, c’è Giovanni, il figlio della coppia. A settembre tornerà a scuola e si preparerà per affrontare gli esami di maturità. Questione di Dna, anche lui ha il mare nel cuore. Il mare della Mezzaluna che ha conquistato i crocieristi e che sino al 2020 resta in coppia con la spiaggia T-Beach. “La concessione scade fra tre anni”, dice il gestore che è anche rappresentante nel Comitato balneare della Puglia, dopo essere stato promotore di due consorzi turistici. “Quella data per noi rappresenta una sfida da vincere, speriamo di centrare l’obiettivo con lo spirito di squadra tra operatori del settore”. L’appello a fare gruppo guardando al futuro immediato è stato lanciato, mentre marito, moglie e figlio sistemano gli ultimi preparativi per i turisti della nave Msc.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento