Offese su Youtube alla Guardia costiera, brindisino accusato di diffamazione

Controllo incrociato tra i dati rilevati dall’account e l’accertamento effettuato presso l’anagrafe comunale

BRINDISI - Non solo critiche ma vere e proprie offese nei confronti del personale della Guardia costiera di Brindisi, dopo aver pubblicato un video amatoriale montato con titoli e pubblicato sul canale “Youtube”, finisce sotto processo un brindisino residente a Carovigno D.L. di 29 anni, che dovrà rispondere del reato di diffamazione a mezzo web (articoli 342 e 595 del codice penale).

La denuncia risale a settembre 2016, quando nel corso di una generale attività investigativa da parte dei militari della sezione di polizia marittima della capitaneria di porto di Brindisi, veniva effettuata una ricerca sui più comuni “social networks”. In tale frangente, l’attenzione dei militari, veniva richiamata sulla presenza di un video amatoriale montato con titoli e pubblicato sul canale Youtube. Il titolo del video risultava essere “totale negligenza della Guardia Costiera di Brindisi”, seguito da un commento diffamatorio nei confronti del personale militare del Corpo delle Capitanerie di Porto - Guardia Costiera, a seguire, nello spazio riservato ai commenti, diversi utenti registrati, utilizzatori della piattaforma pubblica, avevano a loro volta commentato l’affermazione del soggetto non mancando, in talune circostanze, di utilizzare termini diffamatori ed offensivi. Tramite il controllo incrociato tra i dati rilevati dall’account e l’accertamento effettuato presso l’anagrafe comunale del Comune di Carovigno (BR), non è stato difficile, individuare il responsabile, che adesso subirà il processo per il reato di diffamazione a mezzo web.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Si ricorda, che l’utilizzo dei social network, seppur permette di manifestare liberamente il proprio pensiero, così come previsto dalla Costituzione, non deve mai travalicare in insulti e minacce in quanto questa condotta costituisce un fatto reato”. Per qualsiasi segnalazione si ricorda che sono attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 il numero di centralino della sala operativa 0831521022 e la casella di posta elettronica so.cpbrindisi@mit.gov.it mentre, per le sole emergenze in mare, il numero blu 1530.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lavori agricoli, arriva il sì dalla Regione: "attività indifferibili"

  • Addio a Nanuccio il pescatore: da 12 giorni attendeva l'esito del tampone

  • Paziente muore in ambulanza. Sgomberata Pneumologia

  • Azzeramento dei contagi in Puglia: le proiezioni di un centro di ricerca

  • Scu, si è suicidato il pentito Sandro Campana: accusò il fratello Francesco

  • Coronavirus: muore un ragioniere, Carovigno piange un'altra vittima

Torna su
BrindisiReport è in caricamento