Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Talitha G, lo yatch dei sogni ormeggiato nel porto di Brindisi

Come una splendida signora, comodamente adagiata su un lato, da due giorni il super yacht Talitha G è ormeggiato alla banchina di Sant'Apolinnare, nel Seno di Levante del porto interno di Brindisi

BRINDISI - Come una splendida signora, comodamente adagiata su un lato, da due giorni il super yacht Talitha G è ormeggiato alla banchina di Sant’Apolinnare, nel Seno di Levante del porto interno di Brindisi. E proprio come accade a una donna, l’età della storica imbarcazione è avvolta nel mistero: alcuni siti specializzati riportano come anno di costruzione il 1927, altri il 1930. L’unica sicurezza, per quanto riguarda questo yacht, è la sua straordinaria bellezza.

Costruita (nel ’27 o ’30) dall’azienda tedesca Krupp Germaniawerft per il presidente della Packard Automobiles, Russel Alger e battezzata Reveler, durante la seconda guerra mondiale fu trasformata dalla marina militare statunitense nella USS Beaumont, un nome che mantenne fino al 1947 prima di essere acquistata dall’uomo d’affari greco Marias Embiricos che la ribattezzò Jezebel.

Talitha G yatch 2-2-3

Negli anni settanta fu acquistata John Paul Getty Jr., membro di una delle famiglie più ricche del mondo, che le diede il nome attuale, Talitha G, in onore della moglie Talitha Getty, appunto.

L’imbarcazione a motore, 80 metri di lunghezza, può ospitare, nelle 6 suite e 4 camere minori, fino a 12 ospiti, oltre al personale di bordo che, in assetto completo, conta 17 persone.

Talitha G è inserita in tutte le classifiche di super yatch, anche grazie al lavoro del designer Jon Bannenberg, riconosciuto come uno dei migliori designer di yatch al mondo, che ha curato per ben due volte il restyling degli interni e degli esterni della signora dei mari. 

E' ovviamente top secret l'identità del facoltoso ospite del panfilo. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Talitha G, lo yatch dei sogni ormeggiato nel porto di Brindisi

BrindisiReport è in caricamento