menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Parco Bove: si interviene sulle fogne, ma spunta il problema della posta

La macchina comunale si muove per trovare una rapida soluzione all'emergenza igienico sanitaria che ha colpito le abitazioni di Parco Bove, quartiere Paradiso. Ma c'è il problema della posta

BRINDISI - La macchina comunale si muove, su “precise direttive del sindaco Angela Carluccio”, come si legge dal comunicato inviato dall’ufficio stampa del Comune di Brindisi, per trovare una rapida soluzione all’emergenza igienico sanitaria che ha colpito le abitazioni di Parco Bove, quartiere Paradiso. 

Come raccontato da BrindisiReport.it, da quasi una settimana i residenti di largo Macchiavelli vivono una situazione di forte disagio a causa del cedimento in più punti della rete fognaria che ha provocato l’allagamento per le strade attigue e il riversamento di liquami da sifoni dei lavelli delle abitazioni di Parco Bove.

Nel pomeriggio di oggi (27 luglio) personale specializzato della “Devicienti Ambiente”, ditta che si è aggiudicata una gara con affidamento di una serie di interventi di emergenza, è intervenuto per ripristinare le fogna e pulire i pozzetti.

Sul posto anche l’assessore ai Lavori pubblici, Salvatore Brigante, il dirigente Giovanni Danese  e una squadra di agenti della polizia municipale del Comando di Brindisi. (Foto in basso)Parco Bove intervento Comune - Salvatore Brigante-2

Nei prossimi giorni questi interventi di emergenza interesseranno anche altri quartieri della città.

Se questo problema, probabilmente, si avvia verso una soluzione, i residenti di Parco Bove non possono rallegrarsene fino in fondo, da settimane infatti la zona non riceve il regolare servizio postale: nessuna corrispondenza, né avvisi di pagamento ricevuti.

“Se andiamo avanti così, ci ritroveremo con le bollette non pagate - spiega a BrindisiReport.it uno dei residenti - finiremo col dover pagare anche le penali per i ritardi o, peggio ancora, ci troveremo senza luce o senza acqua”.

Un ennesimo problema per una zona che paga più di altre il prezzo da “periferia dimenticata”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Le nuove aperture in pandemia, simbolo di coraggio e speranza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento