Cronaca

Fotovoltaico: prescrizione per i fratelli Degennaro

Il tempo cancella l'accusa mossa dalla Procura in relazione agli impianti realizzati nel 2010. La sentenza del Tribunale di Roma, a cui aveva rinviato per competenza il giudice di Brindisi. Resta in piedi la contestazione sui finanziamenti: "Richiesta indebita per 182 milioni di euro"

BRINDISI – Alla fine la differenza nel processo sugli impianti fotovoltaici realizzati nel Brindisino dal gruppo Degennaro l’ha fatto il tempo trascorso, troppo, al punto che l’accusa di lottizzazione abusiva è caduta in prescrizione. E tutto quello che era stato sequestrato è stato restituito. La sentenza arriva dal Tribunale di Roma, dove è stato rinviato il processo in cui sono imputate 12 persone, a partire dai fratelli baresi Daniele, Gerardo e Vito Degennaro, per fatti avvenuti tra il 2008 e il 2010. Il giudice si è pronunciato nella tarda mattinata di oggi: non doversi procedere per intervenuta prescrizione, causa di estinzione del reato contestato, arrivato alla sua valutazione per effetto del rinvio per competenza disposto dal collega di Brindisi, Giuseppe Biondi, su richiesta dei difensori di alcuni degli imputati.

Impianto fotovoltaico sequestrato a MesagneDiverso, invece, il discorso per l’altra accusa mossa sempre dalla Procura di Brindisi nei confronti di alcuni degli imputati e legata alla richiesta di finanziamenti pubblici: il capo di imputazione resta in piedi e il processo va avanti per stabilire se ci siano o meno responsabilità sul piano penale per affermare che sia stata oppure no “un'indebita richiesta di fondi pubblici per complessivi 182 milioni di euro, di cui 11 milioni circa già erogati".

Gli imputati sono i fratelli baresi Daniele, Gerardo e Vito Degennaro, che avrebbero realizzato impianti fotovoltaici, rivendendoli ad altri, nelle località Acquaro - Buffi e Angelini, in agro di Brindisi, e in agro di San Pietro Vernotico in contrada Le Forche. Gli altri sotto processo:  Michele Corona direttore unico dei lavori, tarantino; Antonio Colangelo, barese, ingegnere progettista; Giuseppe Monteleone, Giacomo Oro, Ilenia Pavone, baresi; Augusto Pisoni di Milano; Giovanni Tortorelli di Matera e i proprietari dei terreni venduti ai De Gennaro, Carmelo Saracino, Donato Colazzo e Cosimo Miceli di San Pietro Vernotico, Michele Corona, direttore unico dei lavori. Nel collegio difensivo gli avvocati Carmelo Molfetta, Giuseppe Leone e Gaetano Castellaneta.

Il procuratore aggiunto Nicolangelo GhizzardiIl rischio che si arrivasse alla prescrizione era stato più volte sottolineato dal rappresentante della pubblica accusa, Nicolangelo Ghizzardi (nella foto), di fronte a rinvii, anche per difetti di notifica, che avevano fatto slittare di un anno l’avvio del processo. L'accusa sosteneva che il parco fotovoltaico era superiore a un megawatt di potenza e che c’era stato un frazionamento in 19 impianti di potenza inferiore, realizzabili con la sola dichiarazione di inizio lavori. In violazione delle disposizioni di legge in materia. “L'estensione complessiva dell'impianto frazionato del Gruppo Energia è pari a 1.200.000 metri quadrati, 120 ettari, equivalente di 160 campi di calcio”. Impianto che venne sequestrato dalla Guardia di Finanza di Brindisi nell’operazione Helios dell'aprile  2012.

La Finanza appone i sigilli al locale sul mareGli imputati, secondo l’accusa,  avrebbero ricomprato rami d'azienda, poi avviato le richieste di Dia per impianti al disotto del megawatt e poi rivenduto ad altre 19 società gli impianti finiti sotto sequestro prima ad aprile e poi nel settembre 2012. In particolare a operare era il Gruppo Energia, dei fratelli De Gennaro, che avevano realizzato parchi al posto di vigne, uliveti e paesaggi rurali. I terreni, secondo l'impostazione dell'accusa, erano stati acquistati a partire da 3mila euro e rivenduti a 60mila euro.

Parte civili:  l'associazione Legambiente, con l'avvocato Stefano Latini, che ha formulato richiesta di risarcimento per 450 mila euro, il Comune di Brindisi, il Comune di San Pietro Vernotico e due altre società coinvolte nella gestione dell'energia. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fotovoltaico: prescrizione per i fratelli Degennaro

BrindisiReport è in caricamento