Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Cinque rapine in tre mesi: processo in abbreviato dopo gli arresti

“Dna, tatuaggi e immagini prove evidenti a carico di Antonio Grassi, Vincenzo Trono, Francesco Franchin e Alfonso Polito”: gli imputati, tutti di Brindisi, sono in carcere dal 2 marzo scorso, il Riesame ha confermato l’ordinanza

BRINDISI – Visti in azione,  durante le rapine, perché inquadrati dalle telecamere del sistema di videosorveglianza, anche se i volti erano nascosti dai cappucci delle felpe e da cappellini con visiere, poi incastrati dal Dna che equivale a una firma lasciata per un errore di distrazione. Risultato: prove evidenti, in base alle quali la Procura ha chiesto il processo per Antonio Grassi, Vincenzo Trono, Francesco Franchin e Alfonso Polito, tutti di Brindisi, ritenuti gli autori di cinque rapine in tre mesi.

GRASSI Antonio-3Vincenzo Trono Gli imputati sono in carcere dallo scorso 2 marzo, quando i carabinieri della Compagnia di Francavilla Fontana, agli ordini del capitano Nicola Maggio, hanno eseguito le ordinanze di custodia cautelare firmate dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Brindisi, Maurizio Saso, che sono state confermate, di recente, dal Riesame (Nelle foto Trono e Grassi)

Il Tribunale delle Libertà ha respinto i ricorsi presentati dalla difesa che puntava a scalfire i gravi indizi legati alle modalità di prelievo del dna e dunque sulla utilizzabilità: per Franchin, nella sua abitazione, nell’ambito di verifiche legate a un presunto spaccio di droga, per gli altri in cella sequestrando oggetti in uso agli indagati. Allo stesso tempo la difesa ha chiesto l’attenuazione delle esigenze cautelari, ma il Collegio ha ribadito quanto scritto nel provvedimento di arresto. Gli avvocati Laura Beltrami e Cinzia Cavallo nel frattempo hanno presentato richiesta di ammissione al rito abbreviato.

Francesco FranchinAlfonso Polito-2Le rapine contestate sono cinque e si riferiscono al periodo di tempo compreso tra febbraio e maggio 2014, anche se nell’ordinanza di custodia si fare riferimento a “persone non identificate” in qualità di complici e c’è il nome di un minorenne come custode della lupara usate per i colpi. Per il ragazzino c’è stato lo stralcio con trasmissione degli atti alla Procura dei minorenni di Lecce. (Nelle foto Franchin e Polito).

Il primo colpo venne consumato a Brindisi, in una tabaccheria situata in via Carducci il 24 febbraio 2014, il secondo nel  supermercato “Super Brio” di Torchiarolo il 7 marzo 2014, a seguire nel supermercato Dok di Mesagne il 9 marzo 2014, poi nella tabaccheria Leo di San Donaci il 15 aprile 2014 e l’ultimo nella tabaccheria “Mordi e fuggi” di Mesagne il 3 maggio 2014. Oltre all’accusa di rapina, i quattro rispondono di ricettazione, porto e detenzione illegale di arma da fuoco e lesioni personali aggravate.

Il tatuaggio di Antonio Grassi-2Quanto al profilo genetico, è stato estrapolato  per Trono partendo dai rilievi sul “manico del cacciavite”, per  Franchin da tracce su un “guanto per la mano sinistra di colore arancione” e per Polito e Grassi da tracce su un “passamontagna nero”. Cacciavite, guanto e passamontagna sono stati trovati in una delle auto usate e abbandonate dopo i colpi, una Lancia Lybra. Per Grassi, inoltre, la prova evidente della partecipazione alle rapine è legata al tatuaggio sul dorso della mano destra che raffigura un elmo romano, ben visibile nelle immagini che documentano i colpi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cinque rapine in tre mesi: processo in abbreviato dopo gli arresti

BrindisiReport è in caricamento