Associazione mafiosa, condanna definiva e arresto per una donna

Cinque anni di reclusione inflitti a Pia Romano, 49 anni, di Mesagne: coinvolta nell'inchiesta Pax della Dda di Lecce

MESAGNE - Cinque anni di reclusione con l'accusa di aver preso parte all'associazione di stampo mafioso Sacra corona unita: la condanna è diventata definitiva per Pia Romano, 49 anni, di Mesagne, arrestata dai carabinieri e condotta nel carcere di Borgo San Nicola, a Lecce.

ROMANO PIA CLASSE 1969-2La condanna è scaturita dal processo a conclusione dell'inchiesta della Dda di Lecce chiamata "Pax", delegata ai carabinieri del Nucleo Investigativo di Brindisi, che portò a una serie di arresti alla fine del 2014: finirono in carcere 12 persone, ritenute affiliate al sodalizio. I militari hanno dato esecuzione all’ordine di carcerazione emesso dalla Procura Generale della Repubblica presso la Corte d’Appello di Taranto. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 Romano, secondo l'accusa, avrebbe  veicolato all’esterno del carcere le disposizioni impartite dal marito, Antonello Raffaele Gravina. La donna già agli arresti domiciliari dove ha già scontato gran parte della pena, terminerà l’espiazione del residuo il 14 dicembre 2019. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nell'ospedale Melli cinque operatori sanitari e un paziente positivi

  • Appropriazione indebita: 31 auto sequestrate dalla polizia a Brindisi

  • "Impossibile garantire distanziamento sociale", Carrisiland rinuncia alla stagione 2020

  • Scontro fra due auto sulla provinciale: feriti un uomo e una donna

  • Positivi al Melli: Rizzo chiede conto alla Asl e nel frattempo chiude attività e spiaggia libera

  • Droga, rapine, armi: chiesto giudizio anche per 5 brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento