rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca

Tap, Snam modifica il progetto: “Compatibile con il paesaggio”

La società ha trasmesso anche al Comune di Brindisi documenti integrativi dopo aver rivisto il tracciato. Invariata la lunghezza, pari a 55 chilometri. Parte il procedimento per gli espropri per pubblica utilità

BRINDISI – Snam Rete Gas ha modificato parte del progetto relativo al metanodotto di interconnessione Tap, per rendere il “tracciato compatibile con il piano paesaggistico territoriale della Regione Puglia”. E ha trasmesso la nuova documentazione anche al Comune di Brindisi per la prosecuzione del procedimento finalizzato all’apposizione del vincolo necessario per l’espropriazione di alcuni terreno che rientrano dell’area dell’intervento.

L’avviso è stato pubblicato oggi a Palazzo di città, sul sito internet, nella sezione avvisi, con indicazione delle particelle di terreno interessate alle modifiche e inserite nel tracciato, la cui lunghezza resta confermata: 55,430 chilometri fra le province di Lecce e Brindisi, così come indicato nell’autorizzazione presentata il 5 dicembre 2016.

“Le ottimizzazioni si sono rese necessarie al fine di rendere il progetto compatibile con le norme tecniche di attuazione del piano paesaggistico territoriale della Regione Puglia, in tutti i tratti interferenti con aree sottoposto a vincolo nello stesso Pptr”, si legge nella lettera che il 19 giugno scorso Snam Rete Gas ha trasmesso al Ministero dello Sviluppo economico, nonché a tutte le Amministrazioni comunali e provinciali interessate al passaggio dei cavi. Sono state inserite “strutture idonee a proteggere filari temporanei di ulivi che hanno comportato alcuni allargamenti della pista lavori, con il conseguente interessamento di nuove particelle per quanto riguarda le sole aree in occupazione temporanea”, è stato precisato.

“L’opera in progetto si sviluppa con direzione Nord-Ovest interamente nella porzione orientale della Regione Puglia, nelle province di Lecce e Brindisi, attraversando i comuni di Melendugno, Vernole, Castrì di Lecce, Lizzanello, Lecce, Surbo, Torchiarolo, San Pietro Vernotico e Brindisi”. Fa parte del programma di potenziamenti della rete nazionale, finalizzato al trasporto del gas proveniente dal metanodotto della società Tap, Trans Adriatic Pipeline. La connessione alla rete nazionale dei gasdotti sarà in corrispondenza dell’impianto esistenze in località Masseria Matagolia, a Brindisi.

Tutta la documentazione sarà consultabile negli uffici di Palazzo di Città per i prossimi venti giorni, a far data da oggi, 26 luglio 2017. Le eventuali osservazioni dovranno essere inoltrate al ministero dello Sviluppo economico, Direzione generale per la sicurezza dell’approvvigionamento e le infrastrutture energetiche entro 30 giorni, termine che sarà conteggiato alla scadenza del periodo in cui è possibile visionare il fascicolo Snam. Successivamente ci saranno le valutazioni in sede di Conferenza di servizi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tap, Snam modifica il progetto: “Compatibile con il paesaggio”

BrindisiReport è in caricamento