Cronaca Torchiarolo

Xylella, nuovo stop del Tar al piano Silletti per gli olivicoltori di Torchiarolo

Nuova speranza per gli olivicoltori di Torchiarolo destinatari dei decreti di abbattimento degli ulivi colpiti da Xylella e di quelli sani presenti nel raggio dei cento metri: il Tar del Lazio ha accolto con decreto una nuova richiesta di "stop" del piano di contrasto al batterio killer degli ulivi

TORCHIAROLO – Nuova speranza per gli olivicoltori di Torchiarolo destinatari dei decreti di abbattimento degli ulivi colpiti da Xylella e di quelli sani presenti nel raggio dei cento metri: il Tar del Lazio ha accolto con decreto una nuova richiesta di "stop" del piano di contrasto al batterio killer degli ulivi proposta dai 21 olivicoltori ai quali ieri era stato opposto un rigetto in relazione alla precedente istanza di sospensiva.

Restano quindi bloccati gli abbattimenti degli ulivi sani che si trovano nel raggio dei 100 metri rispetto alle piante infette, ma solo per i ricorrenti del comune che si trova al confine tra le province di Brindisi e Lecce. I ricorsi sono stati riproposti dall'avvocato Alterio Mariano. La nuova camera di consiglio è fissata per il 18 novembre prossimo.

"Considerato che, la stregua del danno grave ed irreparabile paventato e dei motivi aggiunti del ricorso concernente - scrive il giudice nel decreto - in particolare, la potenziale possibile contradditorietà della misura di eradicazione e previsto trattamento fitosanitario nella medesima area, l'istanza cautelare in epigrafe appare suscettibile di accoglimento".

Il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, intanto ha convocato per il prossimo lunedì 16 novembre un gruppo di agronomi, docenti universitari, studiosi, ricercatori e esperti per l'istituzione della Task Force della Regione Puglia sulla ricerca scientifica sul Complesso del disseccamento rapido dell'olivo (Codiro), causato dalla infestazione da Xylella. Lo rende noto un comunicato della Regione.

"L'intento dell'Amministrazione - si legge nella lettera firmata da Emiliano e inviata a 45 esperti di chiara fama provenienti da tutta Italia – è far emergere, attraverso un approccio sistematico e multidisciplinare, le specifiche esigenze di ricerca e sperimentazione a cui è necessario dare risposta per colmare i tanti deficit conoscitivi che ancora caratterizzano l'emergenza Codiro. I risultati raggiunti dalla Task Force saranno utili per orientare le attività di ricerca e programmare le più opportune azioni da intraprendere ai diversi livelli di responsabilità". La Regione Puglia ha già stanziato una prima somma di circa 2 milioni di euro per sostenere la ricerca sul Codiro e sulla Xylella e la prossima istituzione della Task force è nell'alveo dei provvedimenti regionali per promuovere la ricerca e lo studio sull'infestazione, che minaccia i milioni di ulivi presenti in Puglia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Xylella, nuovo stop del Tar al piano Silletti per gli olivicoltori di Torchiarolo

BrindisiReport è in caricamento