menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torre Santa Susanna, per il Tar Saccomanno torna al Comune

La sezione di Lecce accoglie il ricorso dell’ex senatore contro il decreto di scioglimento delle Assise dopo le dimissioni di nove componenti. Possibile ricorso al Consiglio di Stato

TORRE SANTA SUSANNA – I giudici del Tar hanno accolto il ricorso presentato dal sindaco Michele Saccomanno, già senatore, contro il decreto di scioglimento delle Assise conseguente alle dimissioni di nove consiglieri. Il che significa che Saccomanno torna al Comune con la fascia Tricolore. Ma non è escluso il ricorso al Consiglio di Stato dei nove che hanno deciso di mettere fine all’esperienza politico-amministrativa.

La decisione è della Prima sezione di Lecce presieduta da Patrizia Moro, il 5 luglio scorso, su ricorso presentato oltre che da Saccomanno, dai consiglieri Susanna Di Maggio, Serena Lucia Missere, Giuseppe Gallù, Giuseppe Masi, Marcella Di Gaetano, Francesco Morleo, Martino Salvatore Pinto, rappresentanti dagli avvocati Alessandro Orlandini, Francesco Fabrizio Tuccari e Adriano Tolomeo. I ricorrenti chiedevano l’annullamento del decreto del Presidente della Repubblica del 16 marzo scorso, con il quale – a seguito della relazione del ministero dell’Interno – è stato sciolto il Consiglio comunale ed è stato nominato il commissario straordinario.

La vicenda scaturisce dalla presentazione delle dimissioni di nove consiglieri il 28 febbraio, consegnate da uno solo dei firmatari “ non munito di delega”. Per la Prefettura questa circostanza è stata tale da determinare lo scioglimento delle Assise e per questo si è arrivati alla nomina del commissario. Di avviso opposto i giudici del Tar i quali hanno annullato tutti i provvedimenti. Resta il punto interrogativo sul futuro, giacché non è escluso il ricorso al Consiglio di Stato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento