Cronaca

Minicooper con droga sotto al sedile: arrestato

In carcere Andrea Stabile, 26 anni, di Brindisi: fermato dagli agenti delle Volanti in via Egnazia, rione Paradiso. Nell’auto trovati 300 grammi di marjiuana

La droga trovata nella Minicooper

BRINDISI – Marijuana sotto al sedile della Minicooper: Andrea Stabile, 26 anni, di Brindisi è stato arrestato con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di droga. Quei trecento grammi che gli agenti della sezione Volanti hanno trovato nell’auto, lato passeggero.

049438 STABILE ANDREA 2.2.90 BR. mod-2La scoperta con conseguente arresto risale alla tarda serata di ieri, lunedì 5 settembre, quando i poliziotti hanno fermato la vettura in via Egnazia, rione Paradiso, per un normale posto di blocco.

Il conducente si è fermato e ha consegnato patente e libretto, così come chiesto. Tutto a posto. Ma il passeggero, poi identificato in Andrea Stabile (nella foto accanto) non sembrava tranquillo e avrebbe iniziato a muoversi in maniera nervosa, attirando l’attenzione degli agenti che nel giro di qualche istante hanno trovato la sostanza stupefacente.

Sotto al suo sedile, quello del lato passeggero, erano stati nascosti tre sacchetti di colore scuro contenenti marijuana, per un peso complessivo di quasi trecento grammi. Nessuna spiegazione sarebbe stata offerta dal giovane che ha preferito restare in silenzio.

L’arresto è scattato immediatamente e Andrea Stabile è stato portato nel carcere di Brindisi, in attesa dell’udienza di convalida davanti al gip del Tribunale. In quella sede potrà chiarire la sua posizione. Al momento resta in cella per spaccio di droga.

droga volanti-2Gli agenti delle Volanti, diretti dal vice questore aggiunto Alberto D’Alessandro, hanno posto sotto sequestro la sostanza stupefacente: resta da capire chi abbia fornito la droga e c’è il sospetto che si tratti di canali brindisini. Così come va accertata la destinazione dello stock di marijuana.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minicooper con droga sotto al sedile: arrestato

BrindisiReport è in caricamento