menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una “Casa della Cultura” a Cellino. Grazie all'iniziativa di un gruppo di artisti

A Cellino San Marco nascerà una "Casa della Cultura" destinata ad artisti e giovani che vogliono avvicinarsi al mondo del teatro, della musica e dell'arte in generale. L'iniziativa è promossa dalla neonata associazione Lithium

CELLINO SAN MARCO – A Cellino San Marco nascerà una “Casa della Cultura” destinata ad artisti e giovani che vogliono avvicinarsi al mondo del teatro, della musica e dell’arte in generale. L’iniziativa è promossa dalla neonata associazione Lithium che sabato 12 novembre presenterà il progetto “Music Box” alla cittadinanza. Sarà proprio attraverso questo progetto che si porranno le basi per la realizzazione delle “Casa della Cultura”. L’evento è organizzato con la collaborazione del Centro Servizi per il Turismo Rurale - Comune di Cellino San Marco.

Music Box è “Una sala di registrazione, una sala prove, un centro polifunzionale dove l’arte non è semplice svago e intrattenimento ma può 15002315_1605193803120617_5738676096666014016_o-2diventare un lavoro”, spiegano gli organizzatori sulla pagina Facebook dell’evento. La sede si trova nei pressi della sala XXV Aprile in un edificio di proprietà del Comune gestito dal Centro servizi per il turismo in seguito a un bando del Gal.

“Metteremo in gioco tutte le competenze presenti nella Lithium per realizzare un progetto ambizioso: creare una “Casa della Cultura” a Cellino San Marco che sia allo stesso tempo luogo di aggregazione giovanile e centro di produzione artistica”. L’appuntamento è per le 17.30 nella sala XXV Aprile dove verrà presentato dettagliatamente il progetto, l’idea dei giovani promotori di questa iniziativa, musicisti e sceneggiatori, è quella di realizzare una sala prove e una web radio e di avviare corsi a tema musicale, teatrale, letterario finalizzati anche alla riscoperta degli antichi mestieri.

Una vera e propria novità per Cellino San Marco nata dalla sola volontà di diffondere l’arte in tutte le sue forme e di "sviluppare una rete di artisti possono ruotare intorno a una struttura e fare aggregazione". La Lithium è composta da Andrea Martina, Davide Greco, Giuseppe Fiorante, Francesco de Luca, Giorgio Pierri e Domenico Pennetta, giovani musicisti appassionati di arte e teatro già promotori di iniziative culturali di grande successo: presentazione di libri, spettacoli teatrali ed eventi musicali.

“Siamo nati da pochi mesi, ma abbiamo subito cercato di associare a questo marchio, la Lithium, un percorso di qualità in ambito artistico. Partendo dalle produzioni teatrali e musicali, ci è stato chiesto di curare le programmazioni musicali di circoli e locali, di creare delle rassegne letterarie e senza sosta ci abbiamo creduto e continuiamo a crederci – scrivono sulla pagina dell’associazione - chi ha lavorato con noi può dirci se stiamo operando bene o male nel nostro territorio. Non ci interessa collaborare con "gli amici degli amici che ti portano nuovi amici", ma con persone che hanno qualcosa di sincero e bello da portare avanti. ?È questo il nostro modo di fare musica, teatro, costruire storie e considerare l'arte in generale. Ma adesso è arrivata una richiesta inaspettata che ci riempie d'orgoglio, una sfida che non vediamo l'ora di iniziare”. I ragazzi della Lithium non deluderanno nemmeno questa volta. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento