menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A Francavilla tornano le telecamere contro i furbetti della spazzatura

Furbetti della spazzatura, tornano le telecamere. Intanto il Garante della Privacy dà ragione al Comune: "Nessuna violazione, quelle foto possono essere pubblicate"

FRNCAVILLA FONTANA - Tornano le telecamere nel centro abitato e nelle campagne di Francavilla Fontana per contrastare l’abbandono selvaggio di rifiuti. Il sistema di videosorveglianza, che resterà attivo fino a fine anno, è già attivo da sabato 11 marzo, e vedrà più occhi elettronici al lavoro contemporaneamente, con la rotazione degli stessi su più punti sensibili per garantire la più ampia copertura possibile.

“Nei mesi scorsi – spiega l’assessore Maria Rizzo – questo sistema è stato utile per arginare un problema che, seppur creato da pochi incivili, crea in realtà un enorme danno a tutto il resto della cittadinanza che invece rispetta non solo le regole, ma soprattutto la propria comunità, il proprio ambiente e se stessa. Le telecamere serviranno come già accaduto a individuare e punire i trasgressori con multe salatissime. Il sistema funziona, lo abbiamo già visto, e nessuno furbetto può più sentirsi impunito”.

E la pubblicazione su social e giornali delle foto dei “furbetti” colti in fallo? “Lo rifaremo” conferma il sindaco Maurizio Bruno. “Nei mesi scorsi – spiega il primo cittadino – qualcuno ci ha denunciati al Garante per la Privacy sostenendo che avremmo diffuso immagini dalle quali era possibile riconoscere i trasgressori. Il Garante ci ha chiesto chiarimenti, abbiamo fornito foto e documentazione, e il 2 marzo scorso ci ha risposto: nessuna violazione, i trasgressori non sono in alcun modo riconoscibili e quelle foto potevano e potranno essere pubblicate. Ma sia chiaro: come ho già ribadito in passato, non lo facciamo per gogna mediatica o altro, visto che come ha confermato la massima autorità in materia non vi è alcuna violazione della privacy, ma solo per far capire ai cittadini che il sistema di videosorveglianza è operativo sul serio, funziona e porta a delle conseguenze. Vale la pena pagare tutto questo quando si potrebbe semplicemente essere civili ed educati come tutti gli altri? Credo di no”.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Consorzio Asi: l'avvocato Vittorio Rina è il nuovo presidente

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento