rotate-mobile
Cronaca

A Restinco appena pacificato ora arrivano decine di tunisini. Cie in emergenza

Gli irrequieti ospiti del Cie già presenti pare siano in fase di spostamento a Cara, i nuovi arrivati (si parla di una ottantina di clandestini) vanno al Cie perchè - secondo alcune fonti - si sospetta siano detenuti evasi dalle carceri durante la rivolta contro Ben Alì. Emergenza nell'emergenza. I sindacati di polizia restano sul piede di guerra per una situazione che diventa sempre più delicata ed impegnativa perchè la struttura ormai si rivela sempre più inadeguata.

BRINDISI - Arrivano in Puglia da Lampedusa, via Sicilia e Calabria, in pullman. Sono tunisini, sono considerati a rischio e oltre al campo di Bari sono stati smistati anche a quello di Restinco a Brindisi, in un momento in cui la struttura è attraversata da scontri, tentativi di evasioni e atti di autolesionismo in massa. Quella parte della struttura, per l'esattezza, adibita a Centro di identificazione ed espulsione, il Cie, che in queste ore sta fagocitando la parte riservata invece a Centro di accoglienza richiedenti asilo, il Cara.

Gli irrequieti ospiti del Cie già presenti pare siano in fase di spostamento a Cara, i nuovi arrivati (si parla di una ottantina di clandestini) vanno al Cie perchè - secondo alcune fonti - si sospetta siano detenuti evasi dalle carceri durante la rivolta contro Ben Alì. Emergenza nell'emergenza. I sindacati di polizia restano sul piede di guerra per una situazione che diventa sempre più delicata ed impegnativa perchè la struttura ormai si rivela sempre più inadeguata.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Restinco appena pacificato ora arrivano decine di tunisini. Cie in emergenza

BrindisiReport è in caricamento