menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A S.Pietro palloncini bianchi, commozione e ricordi per Melissa

Legalità e lotta alla violenza sono stati i temi al centro della manifestazione tenutasi oggi, giovedì 19 maggio, nel cortile dell'istituto superiore "De Marco-Valzani" di San Pietro Vernotico per commemorare i quattro anni dalla strage alla scuola professionale di Brindisi Morvillo Falcone

SAN PIETRO VERNOTICO – Legalità e lotta alla violenza sono stati i temi al centro della manifestazione tenutasi oggi, giovedì 19 maggio, nel cortile dell’istituto superiore “De Marco-Valzani” di San Pietro Vernotico per commemorare i quattro anni dalla strage alla scuola professionale di Brindisi Morvillo Falcone dove perse la vita la giovane studentessa di Mesagne Melissa Bassi e altre ragazze rimasero ferite, qualcuna in maniera grave.

Alla cerimonia hanno partecipato alcune classi delle scuole medie ed elementari e dell’istituto paritario Sacri Cuori, oltre che le autorità civili, melissa de marco valzani-2religiose e militari. Melissa aveva 16 anni, fu strappata alla vita poco prima delle 8 del 19 maggio del 2012 da una bomba fatta esplodere davanti alla sua scuola mentre il suono della campanella stava invitando gli studenti a entrare nelle classi.  Morì poco dopo in ospedale. Il ricordo di quel maledetto giorno, che ha cambiato per sempre la vita dei suoi genitori, Rita e Massimo, è ancora vivo in chi visse quei drammatici momenti. Non si può morire a scuola, uno dei luoghi più sicuri al mondo. Dove si cresce e si impara ad affrontare la vita, dove si sogna e si programma il futuro.

melissa de marco valzani3-2

Per non dimenticare quel maledetto giorno di maggio, per mantenere vivo il ricordo di Melissa, vittima innocente di una mente folle (l’attentatore, Giovanni Vantaggiato è stato condannato all’ergastolo), l’istituto superiore De Marco Valzani di San Pietro Vernotico ha organizzato, in collaborazione con l'amministrazione comunale un momento di riflessione con gli studenti di ogni ordine e grado. Perché le generazioni future, quelle che non hanno vissuto la strage della Morvillo Falcone, sappiano quello che è accaduto alla sfortunata studentessa mesagnese e imparino a vivere nella legalità e a ripudiare la violenza in tutte le sue forme. Perchè la scuola nonostante quel drammatico evento continui a essere considerato un luogo sicuro da vivere con serenità. Hanno preso la parola alcuni professori, i parroci, un delegato di Libera, gli esponenti dell’amministrazione. Sono stati riprodotti alcuni audio di quello che è accaduto dopo l’attentato. Le parole della mamma Rita e di papà Massimo dette nelle rare apparizioni in pubblico. Un dolore che non passerà, una morte che dovrà essere ricordata e commemorata per sempre. Le lettere che compongono il nome di Melissa sono state disegnate su palloncini bianchi che sono stati fatti volare dai bambini alla fine della cerimonia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Attualità

Arresto lampo dopo l'omicidio, il prefetto: "Un plauso alla polizia"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento