menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

“A sparare erano in due su uno scooter”. E spunta un testimone

Cosimo Iurlaro e Giuseppe Caputo ascoltati in ospedale come persone informate sui fatti dopo essere rimasti feriti in via Cellini. Investigatori sulle tracce dell'automobilista che ha soccorso l'elettricista accompagnandolo in ospedale. Chiesti i tabulati telefonici per ricostruire gli ultimi contatti

BRINDISI – “Hanno sparato da uno scooter, c’erano due persone con il casco, poi non si è capito più niente, ci siamo messi a correre”.

Ferimento S.Elia, rilievi in via Cellini-2-2-2Hanno risposto alle domande dei carabinieri i due brindisini rimasti feriti nella sparatoria avvenuta lunedì scorso (30 maggio) in via Benvenuto Cellini, rione Sant’Elia: Cosimo Iurlaro, 45 anni, elettricista, raggiunto da un proiettile all'arteria femorale, e Giuseppe Caputo, 58, macellaio, non sono indagati, sono stati sentiti in qualità di persone informate sui fatti e avrebbe riferito quel poco che sostengono di ricordare sul pomeriggio dal sapore estivo che ha rischiato di finire in tragedia.

Erano quasi le 16 e stando a una prima ricostruzione dei fatti, basata per lo più sulle dichiarazioni dei due feriti che restano ricoverati nell’ospedale Perrino, l’incontro fra i due sarebbe stato deciso all’ultimo minuto. Non ci sarebbe stato cioè un appuntamento preso con largo anticipo, ma una telefonata poco prima dell’orario in cui si è scatenato il fuoco di cui nessuno della zona si è reso conto.

Non ci sono stati testimoni tra i residenti del condominio di via Cellini, nessuno ha visto e sentito niente, di conseguenza procedono senza alcun tipo di collaborazione le indagini dei carabinieri del Reparto operativo coordinati dal tenente colonnello Alessandro Colella e dai colleghi della compagnia di Brindisi e del Norm, diretti rispettivamente dal capitano Luca Morrone e dal tenente Luca Colombari.

I due feriti avrebbero riferito di essere stati raggiunti dal fuoco mentre percorrevano a piedi la strada che costeggia il complesso. Nelle vicinanza di una Opel Antara sono stati trovati quattro bossoli di una pistola semiautomatica 7,65: tre di fronte al portone di ingresso del palazzo  e uno poco distante  vano posteriore dell’auto.

Sono stati attimi terribili che saranno sembrati un’eternità: Iurlaro si sarebbe girato per capire cosa stava succedendo e avrebbe visto due persone su uno scooter e una pistola che spuntava dal passeggero. Avrebbe iniziato a correre subito dopo aver visto Caputo rimasto ferito, ha tentato la fuga per sottrarsi alla traiettoria dei proiettili che lo hanno raggiunto all’arteria femorale e ha iniziato a perdere molto sangue. Iurlaro si sarebbe accasciato sull’asfalto e sarebbe stato soccorso da un automobilista di passaggio che lo avrebbe fatto salire per accompagnarlo in ospedale. Ma al Pronto soccorso ci sarebbe arrivato a piedi. Mentre Caputo è stato portato dal 118.

Bossolo sparatoria via Benvenuto Cellini-2-2-2L’automobilista potrebbe essere un testimone importante visto che si è trovato a percorrere quella strada poco dopo la sparatoria, potrebbe cioè aver visto lo scooter e ricordare qualcosa in più. Ecco perché i carabinieri sono sulle sue tracce.

Elementi utili potrebbero arrivare anche dalla lettura dei tabulati telefonici per i quali è stata disposta l’acquisizione: in tal modo è possibile ricostruire i contatti tra i due feriti e tra questi ed altre persone, soprattutto con riferimento al giorno in cui è avvenuta la sparatoria, per procedere con l’ascolto di altre persone e definire l’ambito delle frequentazioni o conoscenze per poi arrivare a chiarire il movente che non si esclude essere riconducibile a futili motivi. Come già avvenuto a Brindisi e in particolare nel rione Sant’Elia, purtroppo.

Non è escluso che la svolta alle indagini arrivi nei prossimi giorni, ma resta il silenzio assordante che ancora una volta regna di fronte ad episodi gravi.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Puglia. Wedding: regole sanitarie e "covid manager" per ripartire

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento