Cronaca Via Napoli

Abita a 200 metri dall'Asl ma i risultati delle analisi gli arrivano dopo 15 mesi

Sono occorsi 15 mesi perché una lettera coprisse un tragitto di appena 200 metri. A tanto ammonta la distanza fra l'abitazione di un donatore di sangue di Brindisi e gli uffici dell'Asl di via Napoli dai quali è partita la missiva attestante il suo stato fisico, a seguito di una donazione effettuata oltre un anno fa presso il centro Trasfusionale dell'ospedale Perrino

La busta della lettera

BRINDISI – Sono occorsi 15 mesi perché una lettera coprisse un tragitto di appena 200 metri.  A tanto ammonta la distanza fra l'abitazione di un donatore di sangue di Brindisi e gli uffici dell’Asl di via Napoli dai quali è partita la missiva attestante il suo stato fisico, a seguito di una donazione effettuata oltre un anno fa presso il centro Trasfusionale dell’ospedale Perrino.

“La lettera – racconta a BrindisiReport il cittadino – è arrivata stamattina al mio domicilio. Una volta aperta la busta, ho notato con sommo stupore che la stessa era datata, come da timbro postale, 10 giugno 2014. Si avete capito bene 2014, 15 mesi fa”. In questi 15 mesi, brindisino ha continuato a donare il sangue una volta ogni due mesi.

Per fortuna, il contenuto della lettera non gli ha regalato brutte sorprese. Ma se invece dagli esami di laboratorio fossero emersi dei valori fuori dalla norma, magari la spia di un malessere che col tempo si sarebbe potuto aggravare, la lunga attesa di 15 mesi non avrebbe potuto forse avere spiacevoli sorprese per il destinatario?

Il diretto interessato ad ogni modo ha preso la cosa con filosofia: “Rido ma nel contempo mi verrebbe da piangere”.  Ovviamente il ritardo non è imputabile all'Asl, quanto piuttosto alle Poste Italiane. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abita a 200 metri dall'Asl ma i risultati delle analisi gli arrivano dopo 15 mesi

BrindisiReport è in caricamento