Abusi, nuovo blitz sulla costa ostunese

OSTUNI – Denunce e sequestri di manufatti ed immobili, e ancora una volta al centro di un nuovo servizio condotto in tandem da Guardia Costiera e polizia municipale, ci sono siti importanti della costa di Ostuni. Le attività hanno interessato nuovamente l’area del porticciolo di Villanova, già al centro di recenti sequestri di pontili e parti di banchina, e uno stabilimento balneare all’interno dell’area protetta del parco delle Dune costiere di Torre Canne e Torre S. Leonardo.

Guardia Costiera e vigili di Ostuni all'opera

OSTUNI – Denunce e sequestri di manufatti ed immobili, e ancora una volta al centro di un nuovo servizio condotto in tandem da Guardia Costiera e polizia municipale, ci sono siti importanti della costa di Ostuni. Le attività hanno interessato nuovamente l’area del porticciolo di Villanova, già al centro di recenti sequestri di pontili e parti di banchina, e uno stabilimento balneare all’interno dell’area protetta del parco delle Dune costiere di Torre Canne e Torre S. Leonardo.

Nel caso dell’operazione che ha riguardano nuovamente il porticciolo, al centro dell’attenzione è finito un ristorante che opera su area demaniale. La documentazione autorizzativa del locale è stata esaminata accuratamente, visto che la struttura opera sottoposta a vincoli edilizi, architettonici, paesaggistici e archeologici, senza contare i vincoli archeologici.

L’ispezione ha evidenziato violazioni ed irregolarità di tipo demaniale ed edilizio - paesaggistico, pertanto il titolare della concessione è stato denunciato a piede libero, mentre sarà il Comune di Ostuni ad adottare azioni e provvedimenti di propria competenza, sulla base delle relazioni di servizio. L’iter è già stato attivato dagli uffici preposti.

Vari sequestri invece hanno colpito lo stabilimento balneare che ricade nella zona del Parco regionale delle Dune costiere. E precisamente: un locale in legno ad uso bar, posizionato in parte su pubblico demanio marittimo ed in parte su un tratto dunale con annessa pedana in legno;  un totem docce posizionato sul tratto dunale insistente su di un basamento in calcestruzzo;  argano in materiale metallico posizionato nei pressi del totem docce,  tra l’altro molto pericoloso per  il transito; una rampa in calcestruzzo che collega il chiosco bar alla spiaggia; tre pali in pvc asserviti da impianto elettrico posizionati sul percorso pedonale di cui uno  posizionato sul demanio marittimo, formanti un impianto di illuminazione.

Anche qui, i militari ed il personale di polizia municipale si sono trovati di fronte ad una vasta situazione  di abusi demaniali ed edilizi. Le indagini finalizzate a risalire agli autori di tali scempi, hanno condotto alla denuncia a piede libero dell’intestatario della concessione demaniale marittima. Dei risultati della nuova operazione è stata data debito informazione alla procura della Repubblica di Brindisi. L’attività è stata coordinata dal comandante della Capitaneria di Brindisi, capitano di vascello Giuseppe Minotauro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Coronavirus: due decessi a Carovigno, primo caso a San Donaci

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • "Ora basta". I medici esasperati scrivono a prefetto e procuratore

  • Carovigno, imprenditore dona buoni spesa da 30 euro per persone in difficoltà

Torna su
BrindisiReport è in caricamento