menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Abusi sessuale su minorenne, professore davanti al gup

VILLA CASTELLI - L’accusa è di avere abusato di una bambina che aveva sette anni. Si tratta di un professore di musica di Villa Castelli, comparso dinanzi al giudice per le indagini preliminari che dovrà decidere sulla richiesta del pubblico ministero Milto De Nozza di mandarlo a giudizio. La camera di consiglio è stata aggiornata su richiesta del difensore avvocato Cosimo Deleonardis.

VILLA CASTELLI - L'accusa è di avere abusato di una bambina che aveva sette anni. Si tratta di un professore di musica di Villa Castelli, comparso dinanzi al giudice per le indagini preliminari che dovrà decidere sulla richiesta del pubblico ministero Milto De Nozza di mandarlo a giudizio. La camera di consiglio è stata aggiornata su richiesta del difensore avvocato Cosimo Deleonardis.

L'imputato ha 40 anni. I fatti contestati all'uomo risalgono al 2007. Il 16 novembre dello stesso anno l'insegnante, in esecuzione del provvedimento emesso dal giudice per le indagini preliminari Alcide Maritati, fu arrestato. Il professore, abbastanza conosciuto a Villa Castelli, impartiva lezioni di musica alla bimba. Ma nel corso delle lezioni lui, secondo le accuse, allungava le mani mentre guardava film porno.

La turpe storia andò avanti per alcuni mesi. Sino a quando la bimba raccontò quello che accadeva nelle ore di lezioni di musica. E la cuginetta, più grande di lei, allarmata lo riferì ai genitori.

Le indagini furono svolte dai carabinieri della compagnia di Francavilla Fontana. Sei mesi di indagini. La perquisizione effettuata nella casa del docente portò alla scoperta di materiale pornografico, tra cui i film che aveva fatto vedere alla bimba. Furono acquisiti elementi anche sulla violenza sessuale alla minore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento