Abusi sessuali su una bambina, 4 anni a insegnante di musica

BRINDISI – Quattro anni di carcere con il rito abbreviato per il professore di musica di Villa Castelli resosi responsabile di violenza sessuale nei confronti di una bambina di sette anni. Si tratta di Barnaba Leonardo Filomeno, 40 anni, di Villa Castelli. L’insegnante di musica è comparso questa mattina dinanzi al giudice per le indagini preliminari Paola Liaci, difeso dall’avvocato Cosimo Deleonardis. Posizione disperata quella dell’uomo di Villa Castelli. L’accusa è di avere abusato di una bambina che aveva all’incirca sette anni quando subì le attenzioni morbose di questo signore che le impartiva lezioni di musica.

BRINDISI – Quattro anni di carcere con il rito abbreviato per il professore di musica di Villa Castelli resosi responsabile di abusi sessuali nei confronti di una bambina di sette anni. Si tratta di Barnaba Filomeno, 40 anni, di Villa Castelli. L’insegnante di musica è comparso questa mattina dinanzi al giudice per le indagini preliminari Paola Liaci, difeso dall’avvocato Cosimo Deleonardis. Posizione disperata quella dell’uomo di Villa Castelli. L’accusa è di avere abusato di una bambina che aveva all’incirca sette anni quando subì le attenzioni morbose di questo signore che le impartiva lezioni di musica.

I fatti contestati a Filomeno risalgono al 2007. Il 16 novembre di quello stesso anno l’insegnante, in esecuzione del provvedimento emesso dal giudice per le indagini preliminari Alcide Maritati, fu arrestato. Elementi schiaccianti nei suoi confronti. Non solo il racconto della bambina, ma anche tanti altri elementi messi assieme dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Francavilla Fontana che svolgono le indagini, coordinate dal sostituto procuratore Milto De Nozza. Filomeno resta per un anno agli arresti domiciliari. Poi ottiene la scarcerazione. Oggi è comparso dinanzi al giudice per le indagini preliminari al quale aveva proposto il rito abbreviato in modo da poter usufruire di uno sconto di pena.

Il professore è piuttosto conosciuto a Villa Castelli. Impartiva lezioni di musica. Tra i suoi allievi anche questa bambina di sette anni.  Nel corso delle lezioni il prof allungava le mani, costringendo la piccola a guardare film porno. Andò avanti per qualche tempo. Si scoprì quando la bambina raccontò alla cugina quello che accadeva nelle ore di lezioni di musica. E la cugina, allarmata, lo riferì ai genitori che si rivolsero ai carabinieri.

Sei mesi di indagini. La perquisizione effettuata nella casa del docente portò alla scoperta di materiale pornografico, tra cui i film che aveva fatto vedere alla bimba. Furono acquisiti elementi anche sulla violenza sessuale alla ragazzina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lutto nel cinema: si è spenta la regista brindisina Valentina Pedicini

  • Polpo da record: giornata di pesca fruttuosa a Lendinuso

  • Al mercato senza mascherina, "Il Dpcm non è legge": multata

  • Positivi e tamponi nel Brindisino: i dati nei Comuni. Trend in crescita

  • Banda delle spaccate scatenata: doppio raid in centro

  • Positivo al covid se ne va a spasso: scoperto dai carabinieri e denunciato

Torna su
BrindisiReport è in caricamento