menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Crociere, accordo Comune e Authority: 108mila euro per promozione turistica

Stretta di mano fra i due Enti dopo il gelo per il muro di via del Mare di fronte ai 43 accosti della Msc: da aprile sino a ottobre previsti otto bus tra porto e centro, spettacoli, infopoint, deposito bagagli gratis, tutto sotto la voce accoglienza. Escursioni non previste

BRINDISI – Stretta di mano fra il Comune di Brindisi e l’Autorità portuale in vista della partenza della stagione crocieristica Msc, dopo il gelo per il muro di via del Mare. L’accordo vale 108.500 euro a titolo di promozione turistica, mission che entrambi gli Enti rivendicano escludendo “duplicazioni e dispersioni di risorse”. E per questo puntano sul potenziamento dei trasporti dal porto verso il centro, su un infopoint, su un deposito bagagli gratis e su un ventaglio di spettacoli. Ma di escursioni non c’è traccia nel protocollo.

La Msc Musica

L’Amministrazione comunale si è impegnata con 38.500 euro, l’Autorità portuale con 70mila euro. Per entrambi il periodo delle crociere è una scommessa da vincere con l’impegno “congiunto mirato a consolidare la popolarità e l’attrattività della destinazione Brindisi” da intendere come “gate to Salento”. Porta del Salento, vero. Spesso non valorizzata dalle Amministrazioni e ancora alle prese con il nodo rifiuti che si lega a quello della pulizia della città. L’approccio del Comune e dell’Autorità portuale è positivo, supportato dall’elaborazione di una strategia – dicono – in grado di creare reciproci vantaggi dal punto di vista economico e occupazionale.

 Il presupposto che ha portato a dialogare pensando al 10 aprile prossimo, data del primo dei 43 accosti della compagnia Msc affidato alla nave Musica, è costituito dalla consapevolezza di entrambi, Comune e Autorità portuale, che “l’accoglienza sia fondamentale per l’incremento dei traffici e per l’attrazione turistica” per questo la sindaca Angela Carluccio e il commissario Mario  Valente hanno concordato “sulla necessità di attivare un’azione comune finalizzata alla implementazione di una politica turistica di accoglienza dei passeggeri delle navi da crociera e dei turisti in transito nel Porto e nella Città di Brindisi nel periodo aprile-ottobre 2017. La Giunta ha dato parere favorevole lo scorso 17 marzo, presenti tutti gli assessori.

In primo luogo, con l’arrivo dei crocieristi e tenendo conto di una “previsione di traffico non inferiore a centomila passeggeri in transito durante la stagione estiva, è stato disposto un “ampliamento, attraverso la società concessionaria del trasporto pubblico locale, della linea di collegamento tra la Città ed il Porto”. La Stp, per effetto del procotollo, dovrebbe mettere a disposizione “bus urbani dedicati ai passeggeri delle crociere” per coprire il “tragitto con fermate a Costa Morena, via Spalato e Terminal crociere”. Comune e Authority ne chiedono “almeno otto, della capacità di 80 posti in piedi e a sedere”. In secondo luogo, la stretta di mano porterà ad attivare infopoint per la distribuzione di mappe di Brindisi e materiale per la promozione del territorio e ad organizzare una serie di manifestazioni.

L’Amministrazione cittadina ha pubblicato l’avviso sotto forma di “sollecitazione di manifestazioni di interesse per la individuazione di proposte provenienti da soggetti in possesso di comprovata esperienza nel campo dell’organizzazione e gestione di eventi”. La valutazione spetta a una commissione che sarà nominata nei giorni seguenti: “giudizio insindacabile”, è scritto.

Sul fronte del contributo, il Comune ha destinato seimila per “l’ampliamento della linea di collegamento; 32.500 per le attività di accoglienza”, mentre l’Ente portuale ha impegnato 18.800 euro per l’infopoint con personale che dovrò occuparsi di ricevere i visitatori, di fornire le informazioni turistiche e sui mezzi di trasporto pubblico locale, a cui si aggiungono 2.200 euro per l’ideazione grafica e la realizzazione di mappe turistiche, 39mila euro per il bus navetta e infine diecimila “per la realizzazione di attività di accoglienza non di carattere escursionistico”. Le visite in città, quindi, sono escluse. Non sono inserite nel protocollo.

Quanto alle modalità di versamento dei contributi, è stato deciso che ciascun Ente “provvederà a compensare direttamente agli affidatari le somme a titolo di corrispettivo per le attività svolte, fatta eccezione per il contributo dell’Autorità Portuale per la realizzazione del servizio bus navetta e per le attività di accoglienza (pari a 49mila euro) che sarà versato dall’Ente Portuale al Comune di Brindisi”. L’Authority, infine, si è impegnata ad elaborare e consegnare un report statistico sui flussi turistici durante la stagione estiva.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento