Cronaca

Corruzione: assolti in appello tre carabinieri e dipendente di un'azienda vinicola

Ribaltata la sentenza emessa in primo grado dal gup del tribunale di Brindisi. I tre militari prestavano servizio presso la stazione di Cellino San Marco

In primo grado erano stati tutti condannati. In secondo grado arriva l’assoluzione nei confronti di tre carabinieri e di un dipendente di un’azienda vinicola del Brindisino che rispondevano del reato di corruzione. La Corte d’appello di Lecce, Sezione unica penale, ha ribaltato la sentenza emessa nel dicembre 2022 dal gup del tribunale di Brindisi, al termine di un processo celebrato con rito abbreviato. 

I tre militari (G.U., di Poggiardo, in provincia di Lecce, L.S., di Tricase, in provincia di Lecce, G.D. di Corato, in provincia di Bari) erano accusati di aver ricevuto tre bottiglie di vino dal dipendente dell’azienda (G.L., di Cellino San Marco) per omettere la redazione del verbale di contestazione della violazione di norme del codice della strada, inerente alla mancata esibizione della carta di circolazione di un mezzo intestato alla società.

I fatti risalgono a novembre 2020, quando una pattuglia di carabinieri della stazione di Cellino San Marco fermò un automezzo di proprietà dell’azienda, nell’ambito di un controllo della circolazione stradale. 

In abbreviato, G.L. era stato condannato a due anni e otto mesi di reclusione, mentre ai tre carabinieri era stata inflitta una condanna pari a un anno e 10 mesi. In appello, con sentenza emessa nei giorni scorsi, i quattro imputati sono stati assolti con formula piena, perché il fatto non sussiste. 

Il collegio difensivo è composto dagli avvocati Antonio La Scala, Rocco Luigi Corvaglia, Francesco Gentile, Vincenzo Farina, Karim Pantaleo. 

Rimani aggiornato sulle notizie dalla tua provincia iscrivendoti al nostro canale whatsapp: clicca qui


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Corruzione: assolti in appello tre carabinieri e dipendente di un'azienda vinicola
BrindisiReport è in caricamento