rotate-mobile
Mercoledì, 8 Dicembre 2021
Cronaca

Acque Chiare: dopo Strasburgo, appello per la prescrizione a ottobre

Disposta l’acquisizione della sentenza della Grande Chambre, tradotta in italiano, su richiesta dei difensori dei proprietari. Per il pm la sentenza di non luogo a procedere è tardiva: rischio confisca

BRINDISI – Dovranno avere ancora pazienza e aspettare altri tre mesi i proprietari delle villette di Acque Chiare, imputati in Appello, dopo che il pm ha impugnato la sentenza di non luogo a procedere per intervenuta prescrizione ritenendola tardiva. La Corte salentina ha disposto il rinvio a ottobre per acquisire la sentenza dei giudici della Grande Chambre di Strasburgo, tradotta in italiano: dovrà essere trasmessa dal Ministero la copia considerata dirimente per sciogliere il nodo sul destino degli immobili, se destinati a confisca o salvati dai sigilli.

Gli imputati in attesa

L'avvocato Cosimo PagliaraLa Corte ha accolto venerdì scorso la richiesta discussa dall'avvocato Cosimo Pagliara (nella foto accanto), alla quale hanno aderito tutti gli altri avvocati che in giudizio rappresentano i 154 imputati, per effetto del ricorso del pm dopo la sentenza con la quale è stata riconosciuta la prescrizione, ma fuori tempo massimo secondo la Procura.

La sentenza europea ha assunto un ruolo di primo piano nel caso legato al futuro di Acque Chiare, dallo scorso 28 giugno, quando sono state depositate le motivazioni della pronuncia, definitiva in quanto non più impugnabile, su procedimenti simili al villaggio costruito dalla società di Vincenzo Romanazzi.

Perché la Grande Chambre, pronunciandosi su Punta Perotti, Golfo Aranci a Olbia (in Sardegna) e Testa di Cane e Fiumarella di Pellaro a Reggio Calabria, ha affermato il principio secondo cui non è possibile procedere alla confisca degli immobili, qualora non ci sia stata una “sanzione penale”. Sanzione che nell’accezione italiana dovrebbe coincidere con una sentenza penale di condanna.

La prescrizione, nell’ordinamento italiano, non è una pronuncia del merito, ma una causa di estinzione del reato sulla base del trascorrere del tempo. Ed ecco, allora, che la sentenza di Strasburgo diventa importante nella vicenda giudiziaria di Acque Chiare, con una differenza tra due gruppi di proprietari.

La prescrizione tardiva e il rischio confisca

GRANDE CHAMBRE-2-2-2Per i 154 proprietari in bilico tra la restituzione delle villette, sequestrate il 28 maggio 2008 dai finanzieri, nell’ambito dell’inchiesta sulla lottizzazione abusiva dell’area di contrada Torre Testa, lungo la litoranea a Nord di Brindisi, e la confisca. Che vuol dire passaggio di proprietà all’Amministrazione comunale di Brindisi, di tutti gli immobili, per i quali non sono ancora stati estinti i mutui sottoscritti all’epoca per finanziare l’acquisto.

Sono imputati, come si diceva, dopo i ricorso che il pubblico ministero Antonio Costantini di Brindisi ha depositato in seguito  la sentenza con la quale il Tribunale di Brindisi, in composizione monocratica, ha revocato la rinuncia alla prescrizione il 3 giugno 2014: per il sostituto procuratore e per il pg è da ritenere arrivata in ritardo, vale a dire quando non sarebbe stato più possibile – codice alla mano – riconoscere tale causa di estinzione del reato e quindi tornare indietro.

La decisione spetta alla Corte d’Appello. Il punto è che se dovesse essere accolto il ricorso della Procura, la prescrizione non troverebbe riconoscimento alcuno e per effetto ci sarebbero gli estremi per la confisca.

Gli altri proprietari

Diversa è la posizione di 73 proprietari delle villette, poiché questi sin da subito decisero di avvalersi della prescrizione. Non dovrebbe porsi, secondo gli avvocati, il problema della confisca alla luce della pronuncia della Grande Chambre.

Scelsero la prescrizione non già perché non interessati alla pronuncia nel merito e in modo particolare all’affermazione della buona fede che – tutti – hanno sempre rivendicato sostenendo di non sapere, né di poter conoscere, l’esistenza di accordi per la lottizzazione abusiva. Quanto per chiudere subito una pagina dolorosa nella propria vita, con conseguenze anche sul piano familiare oltre che economico.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Acque Chiare: dopo Strasburgo, appello per la prescrizione a ottobre

BrindisiReport è in caricamento