menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Addio al papà della stella cometa sulla collina di Fasano

Morto improvvisamente nella sua casa Giovanni Serri, 78 anni.Cordoglio del sindaco

FASANO - Nel pomeriggio di ieri (14 dicembre) è morto improvvisamente nella sua casa, per un malore, Giovanni Serri, 78 anni, presidente del “Comitato Stella Sulla Grotta” di Fasano. A lui si deve l’idea e la realizzazione della grande stella cometa, costruita con oltre 5mila lampadine,  che dal 1986 illumina il Monte Rivolta (la collina di Laureto di Fasano) durante le festività natalizie.

giovanni serri-2Il sindaco Francesco Zaccaria, addolorato per l’improvviso decesso, esprime il cordoglio a nome personale e di tutta la città: «Le circostanze della scomparsa di Giovanni Serri (nella foto accanto) nel secondo giorno dell’accensione della Stella, patrimonio spirituale di tutti i fasanesi noto in tutto il mondo, consolano noi credenti nel pensiero che oltre lo sgomento della perdita c’è il premio per il Giusto. Fasano perde un generoso innovatore – sottolinea Zaccaria - ma non perde la sua idea: il miglior modo per ricordarlo, ora e sempre, sarà continuare il suo lavoro. Alla sua famiglia e agli amici del Comitato “Stella sulla Grotta” la più affettuosa vicinanza a nome di tutti i fasanesi e mio personale; a Giovanni un semplice, doveroso e commosso grazie».  

Serri, anche quest’anno, il 13 dicembre (proprio il giorno prima della sua scomparsa), aveva messo a punto ogni cosa (assieme ai collaboratori-soci del sodalizio) al fine di vedere nuovamente illuminata la grande stella. E così è stato. Anche questo 2017 la stella si è illuminata e lui ha fatto in tempo a vederla risplendere per il 31° anno consecutivo.    

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid, Puglia: pressione ancora alta sugli ospedali, altri 39 decessi

  • Attualità

    Donne e politica: "Un mondo ancora pieno di pregiudizi"

  • Sport

    Palaeventi: Comune di Brindisi - New Arena all’atto finale

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento