Cronaca

Aeroporto, il Comune boccia il parcheggio low cost

Il progetto per 210 posti con 20 minuti di sosta gratis era stato proposto dalla brindisina Solare srl. Gli avvocati al Tar per la sospensione cautelare non solo del diniego al rilascio del provvedimento unico, ma anche della delibera per lo shuttle. La sola zona posteggio è gestita dalla Multiservizi

BRINDISI – Bocciato il progetto del parcheggio low cost nei pressi dell’aeroporto del Grande Salento proposto dalla società Solare del gruppo Crea: il Comune di Brindisi ha detto “no” al rilascio del provvedimento unico dopo il parere favorevole del settore Trasporti e il via libera del Comando dei vigili del fuoco.

La planimetria di dettaglio-2-2-2Niente da fare. Non è arrivato l’ok necessario per dare il via ai lavori che avrebbero garantito 210 stalli con i primi venti minuti di sosta gratis, 1,50 euro per frazione di ora e sette euro per l’intera giornata. E adesso la società che era pronta a investire quasi 800mila euro, ha presentato ricorso al Tar, di conseguenza anche sui posteggi a tariffe agevolate si pronunceranno i giudici del Tribunale amministrativo, sezione di Lecce.

La srl ha dato mandato all’avvocato Lorenzo Durano del foro di Brindisi, il quale ha già depositato richiesta di annullamento, previa sospensione cautelare, nell’interessa delle società Solare e Crea, nonché per conto di una brindisina proprietaria di parte dei terreni che si trovano nella zona dell’aeroporto. Gli ettari sono stati oggetto di un preliminare di vendita il 17 febbraio 2015: la donna, infatti, ha promessi di vendere parte della sua proprietà alla Crea, promissaria acquirente, interessata assieme alla Solare, proprietaria di diversi ettari confinanti, alla realizzazione del parcheggio.

L’avvocato amministrativa ha impugnato non solo il diniego alla domanda di rilascio del provvedimento unico, manche la nota con cui il dirigente dello Sportello per le attività produttive ha comunicato che la richiesta di parere di conformità urbanistica non poteva essere esaminato. Non solo. Oggetto del ricorso è anche la delibera con cui il Consiglio comunale approvò la realizzazione dello shuttle di collegamento tra l’aeroporto e la stazione ferroviaria, risalente al 2015, periodo dell’Amministrazione di centrosinistra con il Pd in testa.

L’avvocato ha contestato il “riscontro alle osservazioni ed opposizioni pervenute alla delibera di avvio delle procedure di espropriazione” ai fini dello shuttle, opera che il Comune intende finanziare con fondi del Cipe, nonostante le contestazioni sull’opportunità sollevate dalle opposizioni di centrodestra e della stessa sinistra. Gli affidamenti diretti relativi allo shuttle, come è noto, sono rientrati nell’inchiesta avviata dalla Procura di Brindisi.

A rappresentare in giudizio il Comune, saranno gli avvocati interni Francesco Trane ed Emanuela Guarino. Ad oggi il solo parcheggio esterno all’aeroporto è quello che si trova nei pressi della basilica Santa Maria del Casale passato dalla società Aeroporti di  Puglia alla Multiservizi, la partecipata del Comune di Brindisi, sulle cui perdite ancora non è stata fatta chiarezza.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aeroporto, il Comune boccia il parcheggio low cost

BrindisiReport è in caricamento