menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Un brindisino passa dall'affidamento ai servizi sociali al carcere

Un brindisino passa dall'affidamento ai servizi sociali al carcere per ripetute violazioni degli obblighi riscontrati dai poliziotti della Sezione volanti

BRINDISI - Dall'affidamento in prova ai servizi sociali ad una cella del carcere di via Appia: è accaduto al brindisino Giuseppe Cavaliere di 23 anni, giàù noto alla giustizia, al quale gli agenti della Sezione volanti della questura nel pomeriggio odierno hanno notificato un provvedimento del magistrato dell'Ufficio di sorveglianza di Lecce, emesso in conseguenza di una relazione di servizio della stessa Sezione volanti.

CAVALIERE Giuseppe-2I poliziotti hanno infatto segnalato al giudice di sorveglianza che, nel corso di di vari servizi, avevano fermato e controllato anche Cavaliere, il quale era stato colto più volte in flagrante violazione degli obblighi imposti dal particolare regime altermativo alla detenzione cui era sottoposto, facendosi trovare in compagnia di malavitosi, fornendo false generalità per sottrarsi ai controlli, e nascondendosi nella casa di un detenuto ai domiciliari.

Da qui la comunicazione all'Autorità Giudiziaria che, preso atto della condotta ripetutamente illecita del Cavaliere, ha emesso il provvedimento restrittivo. Giuseppe Cavaliere è stato pertanto trasferito presso la Casa Circondariale di via Appia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento