Cronaca

Agenti in borghese stanano i furbetti dei saldi nella galleria dell'Ipercoop

Sono state elevate multe da 1200 euro a testa a due furbetti dei saldi sorpresi dagli agenti della polizia municipale nella galleria del centro commerciale "Ipercoop Le Colonne" situato sulla strada statale 7 per Taranto. Si tratta di due titolari di altrettanti negozi di abbigliamento e calzature, i quali avrebbero raggirato i clienti ricorrendo a un classico escamotage

BRINDISI – Sono state inflitte multe da 1200 euro a testa a due furbetti dei saldi sorpresi dagli agenti della polizia municipale nella galleria del centro commerciale “Ipercoop Le Colonne” situato sulla strada statale 7 per Taranto. Si tratta di due titolari di altrettanti negozi di abbigliamento e calzature, i quali avrebbero raggirato i clienti ricorrendo a un classico escamotage. Quale? Il prezzo del prodotto viene maggiorato nel giorno d’avvio dei saldi e gli  viene applicata una percentuale di saldo tale che il prezzo scontato, di fatto, resta invariato rispetto a quello standard.

I vigili urbani non si sono fatti trovare impreparati. La stagione estiva dei saldi è iniziata il 4 luglio. Ma già nei mesi precedenti, alcuni agenti in borghese, fingendosi clienti, erano entrati in diverse attività commerciali, fotografando i cartellini dei prodotti. Una volta avviati i saldi, sono tornati negli stessi negozi, verificando se i saldi fossero stati applicati in maniera conforme al regolamento regionale del 23 dicembre 2004 n°12 che disciplina le "modalità Saldi scarpe-2di effettuazione delle vendite straordinarie" .

Due esercenti, però, pare siano caduti in tentazione. Per questo sono stati sanzionati con le multe da 1200 euro. A tal proposito, il comandante della Municipale, Teodoro Nigro, ricorda  che il prezzo deve essere perfettamente leggibile con la percentuale di sconto ed il prezzo senza e con il saldo applicato.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agenti in borghese stanano i furbetti dei saldi nella galleria dell'Ipercoop

BrindisiReport è in caricamento