Aggredirono un uomo in casa sua con bastone: arrestati due fratelli

Si tratta di un 19enne e un 18enne. La vittima ha 42 anni. Per lo stesso episodio furono denunciati

ORIA - Sono stati raggiunti da un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari i due giovani di 18 e 19 anni di Oria, già noti alle forze dell’ordine, denunciati il 12 agosto scorso per lesioni personali in concorso, violazione di domicilio e danneggiamento. Per gli stessi reati più detenzione di strumenti atti ad offendere è stato disposto l’arresto. Si tratta di Alex ed Emanuele Cera, due fratelli di rispettivamente di 19 e 18 anni. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella notte dell’11 agosto scorso fecero irruzione nell’abitazione di un 42enne di Oria, anch'esso personaggio già noto, ed armati di bastone lo aggredirono procurandogli lesioni giudicate guaribili dai sanitari in 15 giorni. Il movente gesto dovrebbe essere riconducibile a pregressi dissidi privati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • Maltempo nel Brindisino: danni e allagamenti, intervengono i vigili del fuoco

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento