menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dal canile a una nuova vita piena d'amore: ucciso da un altro cane

La storia di Luca, un cagnolino meticcio di sette anni. Azzannato da un cane di grossa taglia

SAN PIETRO VERNOTICO - Adottato dal canile sei anni fa, strappato a morte certa a causa delle sue precarie condizioni di salute, curato amorevolmente dai nuovi padroni, ieri ha incontrato la morte per strada. É stato azzannato da un cane di grossa taglia che gironzolava indisturbato per le vie del paese. É questa la storia di Luca, un cagnolino meticcio di sette anni che da un anno soffriva di crisi epilettiche e più volte ha rischiato di morire.  

Ieri mattina passeggiava in via Brindisi, al guinzaglio insieme alla sua padrona, nei pressi dei giardinetti di piazza Modugno quando è stato attaccato da un cane di grossa taglia. Lo ha azzannato violentemente senza mollare la presa, la padrona non è riuscita a fermarlo le sue urla hanno attirato altri cittadini, un militare è subito corso in suo aiuto. Ma il cane non si fermava, il povero cagnolino abbaiava disperatamente. Un medico di passaggio è riuscito a far entrare la donna con il cagnolino nella sua auto mentre il militare cercava di allontanare l’altro animale. Hanno tutti rischiato di essere aggrediti. Il cane si è poi allontanato disperdendosi per le vie traverse, in direzione circonvallazione. Sul posto si è recato il veterinario Piero De Rocco che ha subito accertato la gravità della situazione. Il povero cane aggredito presentava diverse lacerazioni. È stato portato da suo veterinario a Squinzano per essere sottoposto a intervento ma nella tarda serata di ieri, ha smesso di respirare. 

Una morte che si sarebbe potuta evitare. Da quanto raccontano alcuni testimoni il cane che ha azzannato il meticcio non era un randagio. È scomparso poco dopo, con ogni probabilità è tornato a casa. Era ben tenuto. Tutto lascia pensare che ha dei padroni e che non è controllato. 

La famiglia si è recata presso la stazione dei carabinieri per esporre i fatti. Si spera che venga fatta giustizia per Luca, salvato dal canile e ucciso da un suo simile mentre era al guinzaglio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Pareti "scorticate" a causa dell’umidità: "Ecco come viviamo e nessuno interviene"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento