Cronaca

Agguato mortale: giovane pregiudicato freddato con un colpo di pistola

CELLINO SAN MARCO - Agguato mortale nel tardo pomeriggio di oggi alla periferia di Cellino San Marco. Un giovane pregiudicato del posto, Gianluca Saponaro (29 anni), è stato freddato con un solo colpo di arma da fuoco. Il killer, armato di pistola di grosso calibro, lo ha freddato mentre era a bordo della propria autovettura, una Alfa Mito di colore celestino. Secondo i primi accertamenti, Saponaro era da solo alla guida della “Mito” e stava percorrendo l’arteria periferica, in direzione San Pietro Vernotico. All’improvviso la trappola: letale.

Controlli dei carabinieri

CELLINO SAN MARCO - Agguato mortale nel tardo pomeriggio di oggi alla periferia di Cellino San Marco. Un giovane pregiudicato, Gianluca Saponaro (29 anni, di San Pietro Vernotico), è stato ucciso con un solo colpo di arma da fuoco. Il killer, armato di pistola di grosso calibro, lo ha freddato mentre era a bordo della propria autovettura, una Alfa Mito di colore celestino. Secondo i primi accertamenti, Saponaro era da solo alla guida della "Mito" e stava percorrendo l'arteria periferica, in direzione San Pietro Vernotico. All'improvviso la trappola: letale.

L'Alfa sarebbe stata affiancata e bloccata da un'altra vettura dalla quale sarebbe partito il colpo di pistola che ha raggiunto il pregiudicato alla testa, all'altezza dell'orecchio destro. La guerra tra bande rivali della zona si fa dunque cruenta e spietata. I carabinieri, che conducono le indagini, stanno cercando di rintracciare e ascoltare eventuali testimoni. La vittima era molto conosciuta e particolarmente attiva negli ambienti della malavita locale. Alle spalle aveva diversi precedenti penali, in particolare per droga e reati contro il patrimonio. Già in passato era rimasto coinvolto in diatribe e frizioni maturate all'interno dei clan concorrenti che agiscono sul territorio.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agguato mortale: giovane pregiudicato freddato con un colpo di pistola

BrindisiReport è in caricamento