menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aizza i cani contro carabinieri per evitare perquisizione. Aveva 3 grammi di hascisc

Un 44enne di Carovigno è accusato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, resistenza, violenza e minaccia a Pubblico Ufficiale e maltrattamento di animali

CAROVIGNO - È accusato di detenzione di sostanza stupefacente ai fini di spaccio, resistenza, violenza e minaccia a pubblico ufficiale e maltrattamento di animali, il 44enne di Carovigno arrestato nel pomeriggio di sabato 18 febbraio dai carabinieri della locale stazione.

Si tratta di Vittorio Lofino originario di Ostuni ma residente a Carovigno, già noto alle forze dell’ordine. I militari dell’Arma si sono recati presso la sua abitazione in contrada Catanzani per effettuare un controllo nato da alcuni sospetti sul fatto che l’uomo potesse essere coinvolto in giri di spaccio.

Il 44enne per evitare la perquisizione domiciliare ha aizzato quattro cani  di cui due di grossa taglia, presenti nel giardino di pertinenza della sua casa, contro militari che sono però riusciti a bloccarli ferendone lievemente uno che stava per azzannare uno dei carabinieri.

Dalla perquisizione sono spuntati tre grammi di hashish e un bilancino di precisione. Il cane lievemente ferito è stato fatto visitare da un veterinario che ha verificato che era sprovvisto delle vaccinazioni obbligatorie e di microchip. Lofino, dopo le formalità di rito, è stato posto ai domiciliari. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento