Cronaca

Aldo: gli amici brindisini lo ricordano con una targa, sulla "sua" panchina

“Ciao Aldo, fai buon viaggio verso la tua nuova avventura”: il messaggio in memoria del clochard morto a Palermo

BRINDISI – “Ciao Aldo, fai buon viaggio verso la tua nuova avventura”: con questa frase gli “amici di Brindisi” hanno voluto ricordare Aid Abdellah, il senzatetto francese, molto conosciuto a Brindisi, che alle prime luci di lunedì (17 dicembre) è stato trovato privo di vita a Palermo, sotto ai portici di piazza Ungheria. La notizia della tragedia è stata accolta con sgomento dai tanti brindisini che si fermavano a scambiare due chiacchiere con Aldo, sempre accompagnato dal micio Helios.

Aldo, con il suo organetto, il gatto e i pochi averi che si portava in giro per il mondo, sostava spesso sulla panchina ad angolo fra corso Umberto e via Conserva. Proprio lì stamani è stata esposta una targa in cui si vede il volto sorridente di Aldo, con il piccolo Helios sulle sue spalle. Nato 55 anni fa a Parigi, da più di 20anni Aldo si guadagnava da vivere facendo l’artista di strada. Nelle sue lunghe peregrinazioni ha toccato decine di paesi, fra Asia, Europa e America. Apprezzava la città di Brindisi e la sua storia.

Targa in ricordo di Aldo Helios 2-2

Forse vi avrebbe fatto ritorno anche in occasione delle prossime festività natalizie, se la sua avventurosa esistenza non si fosse tragicamente spezzata in una gelida notte invernale, in circostanze ancora da chiarire. Perché sulla fronte di Aldo sono state trovate delle ferite. Queste potrebbero essere riconducibili a una caduta accidentale, oppure a un’aggressione. Per questo la Procura di Palermo ha aperto un’indagine con ipotesi di reato, a carico di ignoti, di omicidio. Nelle prossime ore si svolgerà l’autopsia sul corpo del malcapitato. Spetterà al medico legale il compito di sciogliere il dubbio. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aldo: gli amici brindisini lo ricordano con una targa, sulla "sua" panchina

BrindisiReport è in caricamento