menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alga Tossica rilevata nelle acque brindisine: i consigli della Asl

I valori rilevati possono rappresentare fonte di pericolo per la salute pubblica, in particolare per soggetti più fragili già affetti da problemi respiratori

BRINDISI - Nell’ambito dell’attività di monitoraggio svolta dall’Arpa Puglia, nella prima quindicina di luglio è stata rilevata una concentrazione elevata di Ostreopsis Ovata - detta anche alga tossica - nelle acque marine costiere del Comune di Fasano in località Torre Canne e Forcatella.locandina asl alga tossica-2

I valori rilevati possono rappresentare fonte di pericolo per la salute pubblica, in particolare per soggetti più fragili già affetti da problemi respiratori, si consiglia pertanto di evitare la balneazione e la permanenza sulle spiagge delle suddette località, soprattutto in giornate particolarmente ventose e con mareggiate.?

L’Ostreopsis Ovata è un’alga microscopica che vive comunemente nei mari tropicali ma condizioni climatiche ottimali favoriscono lo svilupparsi di quest’alga anche alle nostre latitudini. Il fenomeno è conosciuto in Puglia dal 2001 e viene costantemente monitorato dall’Arpa Puglia.

Sintomi

?I sintomi di una possibile intossicazione sono faringite, tosse, disturbi respiratori, cefalea, nausea, raffreddore, congiuntivite, vomito, dermatite, febbre. La modalità di esposizione per il manifestarsi dei sintomi non è l’ingestione, ma l’inalazione di aerosol marino e cioè di microparticelle acquose in sospensione contenenti l’alga.

Questo giustifica i sintomi anche in soggetti che non praticano attività acquatiche, per questo motivo il rischio aumenta nei giorni di vento e mare mosso.? Viene anche prescritto il divieto di consumo temporaneo di echinodermi marini (ricci di mare) e di molluschi, muniti di conchiglia, pescati nel tratto di costa interessato, nel cui corpo, col tempo, si concentra la tossina.

Questi animali contaminati dalla tossina prodotta da Ostreopsis, se mangiati, anche se cotti, provocano una intossicazione alimentare conosciuta come Dsp (diarrea a seguito avvelenamento di molluschi), con sintomatologia classica di vomito e diarrea, trascorse 6 ore dall'ingestione.?

alga tossica luglio 2018-2

Nel contempo operatori del Servizio di Igiene e Sanità Pubblica della Asl Br attuano la sorveglianza sindromica presso i Pronto Soccorso e i reparti degli ospedali che insistono nei territori ove è più diffuso il fenomeno, utile per supportare la fase della comunicazione del rischio.? Sul sito dell'Arpa Puglia è possibile consultare le zone del nostro litorale in cui è presente l'alga.

Ordinanza di divieto di balneazione

Da quanto si apprende nei giorni scorsi decine di vacanzieri che frequentano il litorale fasanese hanno riportato i sintomi riconducibili all'alga tossica. Il sindaco Francesco Zaccaria, alla luce dei dati dell'Arpa ha emesso un'ordinanza di "divieto di balneazione e prelievo di acqua di mare per qualsiasi uso lungo" per: località “Torrre Canne” (zona antistante il faro), corrispondenza con punto di balneazione IT016074007009 (Br), località “La Forcatella” (prima della casa bianca) corrispondenza con punto di balneazione IT016074007006 (Br),? comprendendo tutto il litorale che va da Forcatella alla zona sud di Torre Canne. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento