menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Alimentari in chiusura, il titolare le vieta l'ingresso e lei prende a calci la porta

Arrestata, dopo le formalità di rito è stata rimessa in libertà. Per lei l'accusa è violenza privata e danneggiamento

BRINDISI - L'alimentari era chiuso e il titolare era dentro per le pulizie e non le ha aperto la porta. Così, indispettitasi, ha cominciato a inveire contro l'uomo e a prendere a calci la vetrata, tanto da ridurla in frantumi. E' così che domenica 5 aprile una donna di 37 anni di origine nigeriana residente a Brindisi, regolare sul territorio nazionale con permesso di soggiorno per motivi umanitari, è stata arrestata. 

Per lei l'accusa è violenza privata e danneggiamento. Dopo le formalità di rito è stata rimessa in libertà. I fatti si sono verificati nella serata di domenica scorsa, giorno di Pasqua. La donna ha tentato di entrare nel negozio di alimentari in orario di chiusura. Il titolare non le ha aperto la porta così è andata in escandescenze danneggianto la vetrata. L'uomo ha chiamato i carabinieri, per lei è scattato l'arresto. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
  • Emergenza Covid-19

    Covid in Puglia: calano ancora i ricoveri, ma i numeri restano alti

  • Cronaca

    Auto rubate tornano in circolazione come cloni: due arresti

  • Politica

    Il Tar dà ragione a Maiorano, eletto sindaco per due voti

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento