menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ambulatori Asl allagati, il manager: "Atto doloso, indagini in corso"

Non agibile la palazzina in via Dalmazia: qualcuno ha lasciato aperti i rubinetti dei bagni che si trovano al primo piano. Sopralluogo di agenti e vigili del fuoco: si segue la pista interna. Chiusura almeno per tre giorni

BRINDISI- Acqua negli ambulatori e negli uffici della sede Asl di via Dalmazia e rischio di cedimento e crollo dei controsoffitti realizzati in cartongesso, non già  a causa della pioggia degli ultimi giorni, ma perché qualcuno ha lasciato aperti i rubinetti dell'acqua dei bagni che si trovano al primo piano. Azione voluta, atto doloso che il direttore generale della Asl, Giuseppe Pasqualone ha denunciato subito dopo il sopralluoogo dei vigili del fuoco e degli agenti delle Volanti. Saranno necessari almeno tre giorni perché gli ambulatori tornino a essere agibili: resta tutto chiuso. Pazienti e dipendenti sono rimasti fuori.

cartello asl via dalmazia-2

La scoperta e i disagi per i pazienti

Quel che la Asl ha immediatamente comunicato è che la sede resterà chiusa non essendo agibile. Lo ha fatto con un foglietto affisso all'ingresso che i pazienti e gli stessi dipendenti hanno trovato questa mattina. "Per le visite - è scritto- verrete contattati".Fuori, decine di pazienti. Avevano prenotato le visite diverso tempo fa. Tutto da rifare. Dovranno rivolgersi agli uffici dell'ospedale Perrino oppure a queli che si trovano in piazza Di Summa, stando a quanto si apprende.

asl via dalmazia chiusa-2

La denucia, le indagini e il sospetto

"Ci scusiamo con i pazienti", dice il manager Pasqualone. "Purtroppo alla riapertura, siamo stati informati che non si trattava di una perdita o di infiltrazione di acqua determinata dalla pioggia degli ultimi giorni, ma di un atto doloso perché sono stati trovati aperti i rubinetti del bagno. Evidentemente qualcuno li ha lasciati aperti. Non credo sia stata una dimenticanza", dice il direttore generale. "Ho già sporto denuncia e le indagini sono state avviate".

I rubinetti sono stati lasciati aperti venerdì pomeriggio, poco prima della chiusura della struttura. La domanda è: chi li ha lasciati aperti? E poi: per quale motivo? Un sospetto, gli investigatori sembrano averlo e rimanda alla pista interna agli stessi ambulatori e uffici dell'Azienda sanitaria locale, dove nei giorni scorsi sarebbero stati notificati alcuni provvedimenti di natura disciplinare dopo la chiusura del processo su casi di assenteismo contestati dalla Procura di Brindisi. 

Il video

Non è escluso, quindi, che già oggi saranno avviati una serie di interrogatori tra quanti sono ritenuti persone informate sui fatti.

asl via dalmazia allagamenti-2

I lavori e i danni

La direzione della Asl ha già dato disposizioni per lo svolgimento dei lavori che saranno affidati con la massima urgenza. Nel frattempo sono stati riconosciuti tre giorni di congedo straordinario di dipendenti, ai funzionari e ai dirigenti in servizio in via Dalmazia. La struttura è dotata di impianto anti-intrusione, non è invece previsto il servizio di vigilanza notturna. I danni devono ancora essere quantificati.

Le visite prenotate e la riapertura

"Tutte le visite prenotate per la data odierna saranno rinviate in tempi brevissimi, previo contatto da parte degli operatori di via Dalmazia, senza alcun pagamento della penale a carico degli utenti", precisano dagli uffici della Asl. "Per pratiche urgenti erogate dagli uffici anagrafe (scelta e revoca del medico o esenzioni) ci si può rivolgere presso lo sportello di San Vito dei Normanni. Altre attività amministrative sono sospese".

La struttura sarà riaperta da domani 9 ottobre, con accesso dalla scala B, solo per le visite già prenotate. I pagamenti potranno essere effettuati presso uno sportello Cup attivato momentaneamente al primo piano della struttura. 

articolo aggiornato alle 12.08

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento