Cronaca Ostuni

"Allah è grande" e minacce ai cristiani sulla chiesa: interviene la Digos

Una scritta inneggiante ad Allah e con minacce di morte ai cristiani ("Cristiani tutti morire, Allah akbar") è stata scoperta stamattina sulle mura della parrocchia "Maria Santissima Annunziata", accanto alle poste centrali di Ostuni. Il messaggio è stato impresso con una bomboletta spray di colore blu

OSTUNI – Una scritta inneggiante ad Allah e con minacce di morte ai cristiani (“Cristiani tutti morire, Allah akbar”) è stata scoperta stamattina sulle mura della parrocchia “Maria Santissima Annunziata”, accanto alle poste centrali di Ostuni. Il messaggio è stato impresso con una bomboletta spray di colore blu.

Pare davvero remota l’ipotesi che questo gesto possa essere la spia di un autentico sentimento di intolleranza religiosa. Più plausibile, invece, che a impugnare la bomboletta sia stato uno degli incivili che solitamente riversano la loro idiozia sulle facciate dell’edificio religioso, realizzato in epoca medievale e ristrutturato nel 1700.

Le telecamere dell’ ufficio postale potrebbero aver ripreso i responsabili di quella che sembra avere tutti i crismi di una bravata: l’atto stupido di uno sconsiderato che ha pensato bene di sfregiare un’opera di interesse storico. I poliziotti del locale commissariato, del resto, battono la pista del raid vandalico, escludendo altri scenari. In mattinata è stato effettuato un sopralluogo anche da parte dei poliziotti della Digos.

Le forze dell’ordine sono infatti determinate a individuare gli autori del gesto. Perché su argomenti così delicati, non si scherza.

Aggiornamento - La stessa scritta, con grafia identica, è stata apposta anche sul muretto perimetrale della chiesa di San Luigi Gonzaga, vicino all'ospedale civile di Ostuni (foto in basso) e su una parete della chiesa delle Grazie. Ad agire sempre uno sconsiderato munito di bomboletta spray di colore blu.Scritta inneggiante ad Allah sul muro perimetrale della chiesa di San Luigi Gonzaga-2

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Allah è grande" e minacce ai cristiani sulla chiesa: interviene la Digos

BrindisiReport è in caricamento