Cronaca Piazza Guido Gozzano

Altri due incendi notturni: a fuoco le auto di un operaio e di un pensionato

L'infinita serie di incendi notturni che da mesi attanaglia la città si è allungata ulteriormente la scorsa notte, con auto andate a fuoco al rione Paradiso, rispettivamente in piazza Gozzano e piazza Antonio De Ferrari. La prima richiesta di intervento è arrivata alla sala operativa dei vigili del fuoco circa 50 minuti dopo la mezzanotte, da piazza Gozzano

BRINDISI – L’infinita serie di incendi notturni che da mesi attanaglia la città si è allungata ulteriormente la scorsa notte, con  auto andate a fuoco al rione Paradiso, rispettivamente in piazza Gozzano e piazza Antonio De Ferrari. La prima richiesta di intervento è arrivata alla sala operativa dei vigili del fuococirca 50 minuti dopo la mezzanotte, da piazza Gozzano.

Un incendio stava avvolgendo la parte anteriore di una Lancia Y di colore bianco situata vicino all’intersezione con strada della Torretta. Il veicolo si Piazza Antonio de Ferrari-2trovava di fronte alla casa dell’intestatario, il pensionato G:S., di 65 anni. Al momento dell’arrivo dei pompieri, il rogo si stava propagando anche a un’altra macchina in sosta nelle vicinanze, che fortunatamente non ha riportato danni rilevante.

Sul posto non sono state trovate tracce di dolo. I rilievi del caso sono stati effettuati anche dai poliziotti della Sezione volanti.

Gli stessi, intorno alle ore 2,15, sono intervenuti anche in piazza Antonio De Ferrari, nei pressi di via Egnazia, dove le fiamme avevano investito la Fiat Punto intestata a una casalinga del posto, in uso però al figlio, il 41enne G.P., operaio presso la centrale Enel Federico II di Cerano.

Anche in questo caso,  l’incendio è stato domato da una squadra di vigili del fuoco partita dalla vicina caserma di via Nicola Brandi. Per quanto riguarda le cause della combustione, nessuna certezza. 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Altri due incendi notturni: a fuoco le auto di un operaio e di un pensionato

BrindisiReport è in caricamento