Altri spari contro auto di una donna

BRINDISI - Seconda macchina crivellata di colpi di arma da fuoco al quartiere Sant'Elia nell'arco di ventiquattrore. Si tratta della Fiat 600 di una 41enne di Brindisi parcheggiata in piazza Raffaello. Tre proiettili, sparati contro il finestrino dal lato guida, del tipo 9 corto, ossia nuovamente il calibro 9 per 17 millimetri. Ad accorgersi del danneggiamento intorno alle 8 del mattino è stata la stessa proprietaria della vettura che ha immediatamente chiamato i carabinieri della compagnia di Brindisi coordinati dal capitano Cristiano Tommassini.

Il finestrino infranto

BRINDISI - Seconda macchina crivellata di colpi di arma da fuoco al quartiere Sant'Elia nell'arco di  ventiquattrore. Si tratta della Fiat 600 di una 41enne di Brindisi parcheggiata in piazza Raffaello. Tre proiettili, sparati contro il finestrino dal lato guida, del tipo 9 corto, ossia nuovamente il calibro 9 per 17 millimetri. Ad accorgersi del danneggiamento intorno alle 8 del mattino è stata la stessa proprietaria della vettura che ha immediatamente chiamato i carabinieri della compagnia di Brindisi coordinati dal capitano Cristiano Tommassini.

I rilievi svolti sul posto hanno consentito il ritrovamento di 3 bossoli e due ogive. Non ci sono testimoni, nessuno avrebbe visto o sentito nulla, anche se l'attentato, secondo gli investigatori, sarebbe avvenuto intorno a mezzanotte. Quasi lo stesso orario dell'episodio in via Roberto Melli, in cui domenica notte era stata presa di mira la Peugeot 106 di un'altra donna.

E s'infittisce il giallo, dal momento che ad essere presa di mira è nuovamente l'auto di una donna. Ma ci sono altri particolari in comune con il fatto della sera precedente di cui invece si sta occupando la polizia, e non attengono al solo particolare che è avvenuto nello stesso quartiere. Sono infatti dello stesso calibro le munizioni utilizzate, è simile la dinamica della sparatoria, in entrambi i casi chi ha sparato ha preso di mira il lato guida.

Non è escluso che a sparare possa essere stata la stessa arma anche se a dirlo saranno le perizie balistiche. E non è escluso che possa essere stato lo stesso individuo. Resta oscuro il movente mentre il giallo s'infittisce e le indagini proseguono.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna muore al Pronto soccorso: negativo il test del coronavirus

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

  • Lite con l'inquilino: proprietario fa un buco, entra e mura la porta

  • Flacone di amuchina a prezzo quintuplicato: nei guai un commerciante

Torna su
BrindisiReport è in caricamento