Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca

Anche a S.Pietro iniziative per la Bimbulanza: raccolti oltre 500 euro

Grande successo per la prima edizione del torneo di Burraco organizzato per raccogliere soldi a favore della Bimbulanza

SAN PIETRO VERNOTICO – Grande successo per la prima edizione del torneo di Burraco organizzato dall’associazione “Cuori e mani aperte verso chi soffre” in collaborazione con la Protezione civile di San Pietro Vernotico e un gruppo di volontarie sampietrane, per raccogliere soldi a favore della Bimbulanza, l’ambulanza colorata destinata al trasporto dei bambini meno fortunati che necessitano di cure o visite mediche. Il torneo si è svolto presso la sede della Protezione civile, hanno partecipato 52 persone e sono stati raccolti 540 euro, anche attraverso il sorteggio di articoli offerti da alcune attività commerciali.

“Inaugurata il 26 maggio del 2012, la Bimbulanza è l'ambulanza a misura di bambino. Non è un normale di veicolo di pronto torneo di burraco-2soccorso: è il mezzo speciale con cui vengono trasportati bambini speciali. È tutta colorata, all'interno e fuori, ha un televisore per i cartoni e le lenzuola con i pupazzi. Ma soprattutto ad ogni viaggio ha angeli custodi per i piccoli campioni: un autista volontario e un clown volontario.  Le spese per garantire il medico e l'infermiere a bordo sono sempre ad esclusivamente a carico dell'associazione – si legge sulla pagina internet dell’associazione - la Bimbulanza viaggia in tutta Italia per portare i pazienti verso centri specializzati in cure specifiche per le diverse patologie. Ad oggi sono stati percorsi più di 100mila km”.

La sede dell’associazione, nata nel 2001 da un Fondo di solidarietà permanente costituito tra i dipendenti del Presidio Ospedaliero del Vito Fazzi di Lecce è a Lecce, ma il gruppo di volontari opera su tutto il territorio nazionale, nel settore dell'assistenza sociale e socio-sanitaria. Tra le altre attività di volontariato di cui si occupa l’associazione c’è anche la Clownterapia in numerosi ospedali del Salento o in case famiglia e a domicilio grazie al Sorrisinbus, un pulmino colorato sempre per i bambini meno fortunati.

Anche alcune volontarie di San Pietro Vernotico hanno voluto contribuire a regalare un sorriso a chi soffre, bambini ma anche i loro genitori e parenti, organizzando un torneo di Burraco a sostegno della Bimbulanza. L’idea è nata per caso nello studio di una parrucchiera dove sono state portate le uova pasquali (Pasqualotti) in vendita sempre per raccogliere fondi da devolvere all’associazione che regala sorrisi ai bambini: “Perché non organizziamo un torneo di Burraco?”, neanche il tempo di dirlo che tutto era pronto. La Protezione civile di San Pietro ha offerto la propria sede, alcune volontarie hanno preparato per i partecipanti un buffet ricco di prelibatezze fatte in casa.

61377433-a221-4fe0-9884-cdb632a4c951-2Una serata all’insegna della solidarietà, quindi, quella che si è svolta ieri a San Pietro Vernotico. L’altra iniziativa per dare una mano al gruppo di volontari colorati che vanno in giro vestiti da clown, riguarda la vendita delle uova di Pasqua (al prezzo di 5 euro) che si possono trovare presso la parrocchia di San Giovanni Bosco, in alcune attività commerciali o contattando il numero 338 565 8452 (Elisabetta). 

L'associazione Fondo di Solidarietà Permanente "Cuore e mani aperte verso chi soffre", Onlus, come già accennato è stata fondata nel 2001 dal cappellano del presidio Ospedaliero "Vito Fazzi" di Lecce, don Gianni Mattia, allo scopo di operare, secondo lo spirito di carità cristiana, nel settore dell'assistenza sociale e socio-sanitaria. Le prime due grandi intuizioni furono: l'ingresso del volontariato ospedaliero nella forma della Clownterapia presso il reparto di pediatria del nosocomio leccese;  l'intento di costruire all'interno del perimetro dello stesso "Vito Fazzi" una struttura di accoglienza per i parenti di degenti residenti in luoghi lontani dalla Provincia. Grazie alle numerose donazioni, a una mirata campagna di raccolta fondi e all'istituzione del Fondo di Solidarietà Permanente (al quale possono tutt'ora aderire i dipendenti dell'Asl di Lecce, decurtando dal proprio stipendio mensile un importo variabile da 1 a 10 euro), la Casa fu costruita nel giro di poco tempo e dal 2004 a oggi ha accolto quasi 2mia ospiti.

Il progetto dell'ambulanza pediatrica adibita al trasporto di piccoli pazienti che necessitano di spostamenti periodici o bimbulanza-3improvvisi per motivi di cura, con reperibilità 24 ore su 24, invece, è nato per la presenza, purtroppo, di troppi bambini che non trovando le soluzioni migliori di cura a terribili mali che li colpiscono nel proprio luogo di residenza, sono costretti a spostarsi verso i maggiori centri d'eccellenza d'Italia, a costo di notevoli sacrifici sul piano umano e materiale. "Il progetto Bimbulanza nasce dal desiderio di venire loro incontro, con un sorriso, con il cuore aperto, con una stretta di mano e soprattutto mettendo loro a disposizione un mezzo di trasporto più allegro e colorato, che possa rendere ogni viaggio una piccola avventura e far vivere la malattia, e il disagio del trasferimento, come una sorta di avventura, piuttosto che in una situazione già sin troppo  "medicalizzata". Infatti, gli interni e gli esterni sono realizzati in modo colorato e un volontario clown fa da compagno di viaggio ai più piccoli e ai loro genitori. Tutti gli oneri per il trasferimento (carburante, pedaggi autostradali, eventuale parcella del medico o dell'infermiere) sono a carico dell'Associazione, sollevando, in tal modo, le famiglie dall'aggravio economico. A seconda della patologia e/o dello status clinico del piccolo paziente, sulla Bimbulanza salgono, oltre a due volontari-autisti, e un clown, anche il medico e/o l'infermiere. Il mezzo, inoltre, è altresì dotato della necessaria attrezzatura per il trasporto delle incubatrici".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche a S.Pietro iniziative per la Bimbulanza: raccolti oltre 500 euro

BrindisiReport è in caricamento