menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Emergenza rifiuti: anche gli ex Nubile parteciperanno alla manifestazione

I lavoratori dell'impianto di Cdr e della discarica di Autigno annunciano la loro adesione alla manifestazione indetta per mercoledì sera davanti al Comune di Brindisi

Anche gli ex lavoratori della ditta Nubile che da oltre un anno attendono la riattivazione dell’impianto di Cdr situato sulla strada per Pandi, nella zona industriale di Brindisi, e della discarica Comunale di Autigno, entrambi sotto sequestro nell’ambito di due diverse inchieste della Procura della Repubblica di Brindisi, aderiscono alla manifestazione sull’emergenza rifiuti organizzata per mercoledì (24 maggio) presso piazza Matteotti, davanti al Comune di Brindisi, a partire dalle ore 18, su iniziativa dell’associazione Salute pubblica. 

Riceviamo e pubblichiamo la nota dei lavoratori. 

Gli ex dipendenti dell'impianto Cdr-Css e della discarica di smaltimento dei rifiuti solidi urbani sin da gennaio 2016 evidenziano che il problema rifiuti a Brindisi sarebbe stato ulteriormente acuito dal sequestro dei due siti. 

Tutto ciò ha avuto due conseguenze: l’aumento vertiginoso della tariffa della Tari (tassa sui rifiuti) che a Brindisi è la più alta in Italia e il problema occupazionale che ci riguarda. In un recentissimo incontro presso l'agenzia regionale dei rifiuti a Bari, con la presenza dell'avvocato Grandaliano e della d.ssa Gallucci. ci è stato confermato che la Regione è pronta ad indire una gara per la gestione dell'impianto di biostabilizzazione.                        

Non comprendiamo come mai ad oggi le parti politica e tecnica non prendano decisioni in tal senso che possano essere di aiuto alla soluzione della problematica. Come ex dipendenti degli impianti parteciperemo all'iniziativa promossa dall'associazione salute pubblica del giorno 24 maggio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Asl Brindisi: avviso pubblico per l'incarico di direttore generale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento