Cronaca

Anche i medici brindisini a Roma per un sistema sanitario più equo

Anche i medici e i dentisti dell’Ordine di Brindisi parteciperanno alla manifestazione a difesa del sistema sanitario nazionale in programma sabati prossimo (28 novembre) a Roma, in piazza Santi Apostoli, all’insegna dello slogan  “Una sanità a pezzi - Regione che vai sanità che trovi”. L’obiettivo è “eguali diritti a tutti”

BRINDISI - Anche i medici e i dentisti dell’Ordine di Brindisi parteciperanno alla manifestazione a difesa del sistema sanitario nazionale in programma sabati prossimo (28 novembre) a Roma, in piazza Santi Apostoli, all’insegna dello slogan  “Una sanità a pezzi - Regione che vai sanità che trovi”. L’obiettivo è “eguali diritti a tutti”. 

“Le vicende legate al terrorismo ci hanno turbato - afferma nel suo messaggio di mobilitazione Roberta Chersevani, presidente dei medici italiani - ma mai come oggi hanno ancora di più rinforzato il nostro impegno e la nostra determinazione nel continuare una battaglia di civiltà per il diritto di accesso alle cure, per il diritto di avere pari opportunità su tutto il territorio nazionale, per il diritto di preservare un servizio sanitario nazionale che è sempre più allo stremo nella sua risorsa fondamentale: i professionisti della salute”. 

“Questo è un impegno per la democrazia. I medici – prosegue Chersevani -devono essere in prima fila per questa battaglia dei diritti ma esiste anche il versante dei doveri come la partecipazione e la responsabilità: partecipazione nel condividere con la professione il percorso che la federazione sta svolgendo; responsabilità nell’assumere come cittadino e come professionista un ruolo di mediazione e di corretta comunicazione nei confronti della popolazione. Ognuno di noi, nella quotidianità del proprio lavoro, può tentare di ricomporre il puzzle di un Paese che ha bisogno anche dei medici per tenere unito il suo tessuto sociale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche i medici brindisini a Roma per un sistema sanitario più equo

BrindisiReport è in caricamento