menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

E dopo la recinzione contestata, ora spuntano i piloni in cemento

I piloni in cemento comparsi negli ultimi tre giorni lungo il circuito doganale nel Seno di Levante fanno gridare vendetta a chiunque tenga a quel minimo di decoro paesaggistico rimasto in quel pezzo di porto, e va aggiunto, di città

BRINDISI – I piloni in cemento comparsi negli ultimi tre giorni lungo il circuito doganale nel Seno di Levante fanno gridare vendetta a chiunque tenga a quel minimo di decoro paesaggistico rimasto in quel pezzo di porto, e va aggiunto, di città. Il Comune pensa al restyling di via del Mare, l’Autorità Portuale rovina tutto, prima con le recinzioni metalliche super-contestate, poi con quest’ultima trovata, si presume connessa come la rete metallica al piano di security.

Ma non esisteva una concertazione tra Autorità Portuale e Comune, su questo problema dell’impatto delle opere di sicurezza sull’ambiente urbano? E chi ha dato l’ok a tutto questo? Non si sa ancora come andrà a finire la lite tra amministrazione civica e authority a proposito della recinzione, che sul tavolo del contenzioso arrivano pure gli altri piloni in cemento armato.

piloni porto (2)-2 piloni porto-2

Contro questa operazione paesaggisticamente deplorevole si sono già pronunciati gli architetti attraverso il consiglio dell’ordine professionale, con richiesta di accesso al fascicolo del progetto e della gara. Ma chissà cos’altro salterà fuori dalla lista degli interventi da realizzare previsti dal piano di security. E ritorna la domanda sul punto: se gli uffici tecnici comunali già sapevano, e perché non si sono opposti? Non sarebbe stato meglio pensare a strutture di supporto meno impattanti? Ricordando che nel sito esiste una struttura di archeologia industriale come l'ex Capannone Montecatini, ad esempio?

Ma la teoria dei piloni comincia dalla ex stazione marittima, costeggia l’area di banchina sino a via Spalato, poi segue la parte terminale del Seno di Levante nel tratto della ex Zona nafta, e prosegue lungo la banchina Feltrinelli sino alla sede del distaccamento portuale dei Vigili del Fuoco. Un’operazione condotta in tempi brevissimi, ed ecco Brindisi di fronte al fatto compiuto. Come sempre.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento