rotate-mobile
Cronaca

Angurie "abusive", maximulta

BRINDISI – Guerra ai venditori ambulanti e abusivi di angurie: questa mattina gli agenti della polizia municipale di Brindisi ne hanno sequestrate 38.

BRINDISI - Guerra ai venditori ambulanti e abusivi di angurie: questa mattina gli agenti della polizia municipale di Brindisi ne hanno sequestrate 38 e sanzionato un venditore con una multa di oltre cinquemila euro per esercizio abusivo di vendita ambulante. Sequestrato anche il motocarro Ape utilizzato per il commercio: era sprovvisto di assicurazione. All'uomo è stata ritirata la patente di guida perchè scaduta.

Le angurie sequestrate sono state donate all'istituto religioso San Vincenzo sito in piazza Duomo. I controlli da parte dei vigili urbani hanno riguardato i quartieri Bozzano e Casale, il soggetto finito nei guai era parcheggiato in via Benedetto Brin in posizione pericolosa rispetto alla circolazione stradale e per le manovre dei potenziali clienti.

"La situazione impone al comando una maggiore attività repressiva nei confronti dei venditori ambulanti di generi alimentari primari e di origine locale, molto spesso privi di qualsivoglia autorizzazione alla vendita che, per quanto attiene sia la circolazione stradale che l'occupazione di suolo pubblico, ritengono a volte numerosi di poter eludere ogni forma elementare di buona condotta anche civica nell'importante atto di vendita del prodotto che, comunque, finirà sulla tavola di occasionali acquirenti", spiega Teodoro Nigro, il capo della polizia municipale di Brindisi, in una nota stampa.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Angurie "abusive", maximulta

BrindisiReport è in caricamento