Auto in sosta sulla litoranea: annullata multa elevata tramite Street control

Il giudice di pace ha accolto il ricorso presentato dagli avvocati dell'Adoc per conto di un automobilista brindisino

BRINDISI – Il giudice di pace di Brindisi ha annullato una contravvenzione elevata a un auomobilista brindisino, tramite l’utilizzo dello “Street control”, una telecamera montata su auto della Polizia Locale in grado di rilevare effrazioni al codice della strada. Con la sentenza n.33 emessa nella giornata di ieri (venerdì 31 gennaio), è stato infatti accolto il ricorso presentato dagli avvocati Marco Elia e Marco Masi, dell’ufficio legale dell’Adoc di Brindisi. 

“La vicenda trae origine – si legge in una nota dell’Adoc - da una serie di multe elevate la scorsa estate sulla litoranea brindisina indiscriminatamente ed a scapito di numerosi cittadini. Nello specifico agenti della Polizia Locale, a bordo delle auto di servizio, sanzionavano tutte le auto da sempre storicamente parcheggiate dai bagnanti ospiti dei lidi limitrofi”. Tale modalità di utilizzo dello street control è stata contestata dai legali, “che hanno addotto fra le motivazioni – si legge nella nota dell’Adoc - anche la mancata contestazione immediata, così come prescritto dal Ministero dei Trasporti”.

Pertanto, il Giudice di Pace di Brindisi ha motivato come segue: “Va premesso che lo street control (strumento con il quale l’infrazione è stata rilevata) è uno strumento dotato di macchina fotografica e di videocamera ad infrarossi. Tramite questo è possibile scattare due foto in simultanea (una alla targa e l’altra all’abitacolo) nel giro di 20 metri”.

Inoltre “le foto arrivano in tempo reale sul tablet ed un agente, verificata l’irregolarità, compila il verbale…solo quando la contestazione non è possibile, il verbale può essere notificato successivamente. Ha quindi precisato il Ministero che lo street control può essere usato per rilevare contravvenzioni a condizione che ci sia sempre un agente a visionare il tablet e che non ci sia il conducente al volante dell’auto sanzionata o nei paraggi”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Ancora una volta - si legge nel comunicato – l’Adoc di Brindisi si fa interprete della richiesta di tutela dei cittadini  ottenendo importanti risultati in sede giudiziaria dopo aver sollevato, in più occasioni, anche a mezzo stampa, dubbi e perplessità circa l’inasprimento dell’azione sanzionatoria da parte della Polizia locale a discapito della sensibilizzazione dei cittadini sui temi della sicurezza stradale”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz della Polizia contro la Scu: otto arresti fra Brindisi e Mesagne

  • Uccisa in casa insieme al fidanzato: lavorava all'Inps di Brindisi

  • Covid: 12 positivi dopo un ricevimento, chiuso un asilo nido

  • Regionali, Amati il più votato: ecco tutte le preferenze nel Brindisino

  • Elezioni regionali, amministrative e referendum: l'affluenza finale

  • Furto al bancomat con inseguimento: banditi cadono in strapiombo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BrindisiReport è in caricamento