rotate-mobile
Cronaca Carovigno

Anziano si barrica in casa, i carabinieri irrompono e sventano il suicidio

I militari sono entrati nell'abitazione, bloccando l'uomo e facendolo desistere dal mettere in pratica l'insano gesto

CAROVIGNO - Si era chiuso in casa mentre con una mano brandiva un coltello e con l'altra impugnava una statuetta di Gesù. È quanto accaduto ieri (12 settembre) a Carovigno, dove un 79enne in preda all'ansia ed in forte stato di agitazione manifestava evidenti intenzioni suicide. Sul posto sono giunti i carabinieri della locale stazione, che sono riusciti a sventare il folle gesto. 

L'uomo aveva mandato in frantumi la vetrata della veranda tramite il lancio di un vaso. Gesto che ha attirato l'attenzione dei vicini e degli stessi militari. Questi ultimi, dunque, hanno iniziato a parlare con lui per capire cosa stesse accadendo e quali fossero i motivi da spingerlo a mettere in atto tale comportamento.

Nel corso del dialogo, protrattosi per circa 20 minuti, è emerso il profondo stato di disagio dell’anziano da ricondursi a problemi personali. 

Avendo certificato le intenzione suicide dell'anziano, i militari sono intervenuti immediatamente scavalcando la recinzione dell’abitazione. Entrando - poi - dal varco creato dalla rottura del vetro della porta finestra della veranda, hanno bloccato l’uomo e sono riusciti a farlo desistere dall’insano gesto. Sul posto, nel frattempo, era stato richiesto l’intervento del personale sanitario che, una volta giunto, ha prestato le cure del caso all’uomo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anziano si barrica in casa, i carabinieri irrompono e sventano il suicidio

BrindisiReport è in caricamento