menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La direzione della Asl di Brindisi

La direzione della Asl di Brindisi

Appalti Asl: "Dipietrangelo non è Mercadet"

BRINDISI - A proposito della vicenda giudiziaria riguardante il sistema di condizionamento illegale delle gare di appalto della Asl di Brindisi, ma in particolare del ruolo attribuito in alcuni articoli comparsi su altre testate provinciali e regionali a Carmine Dipietrangelo, riceviamo e pubblichiamo integralmente la seguente nota.

BRINDISI - A proposito della vicenda giudiziaria riguardante il sistema di condizionamento illegale delle gare di appalto della Asl di Brindisi, ma in particolare del ruolo attribuito in alcuni articoli comparsi su altre testate provinciali e regionali a Carmine Dipietrangelo, riceviamo e pubblichiamo integralmente la seguente nota diramata agli organi di informazione dall'avvocato Carmelo Molfetta per conto dello stesso.

Dalla lettura degli atti allo stato disponibili, ossia l'ordinanza di custodia cautelare nei confronti degli indagati a ciò interessati, la posizione di Carmine Dipietrangelo è formalizzata ai capi Q) - V) - Z) - A2 - A3 della stessa.

Rispetto a questi capi di imputazione, il Gip in relazione alla posizione di Dipietrangelo ha sancito: capo Q) " Il reato di turbativa d'asta contestato sino al luglio 2007 è prescritto, " e comunque , in merito a questa imputazione il reato di turbativa d'asta non può essere ravvisato...dalla ricostruzione dei fatti effettuata attraverso l'alluvionale mole di intercettazioni, appare in alcuni punti piuttosto congetturali..". (pagg. 204 e 207).

Rispetto ai successivi capi di imputazione (V-Z) (turbativa, corruzione aggravata e falso) il Gip ha statuito che " I reati sono prescritti..." e comunque "Il quadro probatorio sintetizzato non è sufficiente per provare il coinvolgimento di altri?" (rispetto alle persone sottoposte alla ordinanza custodiale n.d.a.). (pagg. 253 - 254)

Anche in relazione ai capi A2 e A3 (turbativa e falso) il Gip sancisce che " entrambi i reati sono prescritti..." e che comunque " ?i fatti contestati non sussistono. L'ipotesi accusatoria si basa su una serie interminabile di intercettazioni dalle quali emergono contatti e sollecitazioni?non è dato comprendere dove sia l'illiceità di queste richieste?" (pag. 299).

Ciò detto in via del tutto riassuntiva, ma rigorosamente riportando in modo virgolettato l'estratto delle parti della ordinanza custodiale, e comunque in relazione ai fatti sinora conosciuti per come riportati negli atti ufficiali noti, ogni diversa rappresentazione della posizione processuale di Carmine Dipietrangelo è il frutto o di una scarsa conoscenza della ordinanza custodiale oppure è mera malafede.

Su espressa richiesta di Carmine Dipietrangelo riporto la sua seguente dichiarazione personale: "Non rivesto cariche pubbliche dal 2005 e che non ne ho mai rivestite in ambito Asl. Dall'agosto di questo anno inoltre non sono più componente il consiglio di amministrazione delle Ferrovie Appulo Lucane essendo scaduto il mio mandato quinquennale."

P.S. - Attendiamo di conoscere la fonte della notizia che attribuisce a Carmine Dipietrangelo alcune frasi del colloquio intercettato in cui uno degli interlocutori si paragona al personaggio di Mercadet, e, comunque, in ogni caso, per espresso e formale incarico, sul punto, ricevuto da Dipietrangelo, si contesta ogni ricostruzione allo stato fornita e diffusa all'opinione pubblica in assenza di riscontri ufficiali.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lutto per l'arcivescovo Satriano, è deceduta la mamma Giovanna

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BrindisiReport è in caricamento