Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Appalto in asili e materne affidato alla Multiservizi: internalizzati 23 lavoratori

La Brindisi Multiservizi ha assorbito 23 lavoratori di una cooperativa, la Servizi Integrati, che fino a oggi (30 aprile) ha espletato servizi ausiliari di supporto nelle scuole materne e negli asili nido per conto del Comune di Brindisi. La ditta aveva dato la propria disponibilità a rinnovare il contratto di un anno. Ma il Comune ha ritenuto più conveniente affidarsi alla società in house

BRINDISI – La Brindisi Multiservizi ha assorbito 23 lavoratori di una cooperativa, la Servizi Integrati, che fino a oggi (30 aprile) ha espletato  servizi ausiliari di supporto nelle scuole materne e negli asili nido per conto del Comune di Brindisi. La ditta aveva dato la propria disponibilità a rinnovare il contratto di un anno. Ma l’amministrazione comunale ha ritenuto più conveniente affidare l’appalto a una società in house, con un risparmio di circa il 3 per cento rispetto all’importo annuo del capitolato (la municipalizzata garantirà al costo annuo di 462mila 724 euro, le stesse attività che la Servizi integrati espletava al costo annuo di 477mila euro).

Il contratto stipulato con la Bms scadrà il prossimo 30 novembre, con “la previsione di estendere l'affidamento sino alla copertura di un triennio, se ed in quanto, nel frattempo intervengano le corrispondenti previsioni nel Bilancio Comunale pluriennale”. L’iter per l’internalizzazione del servizio attraverso la formula dell’affidamento diretto è stato completato nel giro di pochi giorni. La delibera che sancisce il passaggio del personale dalla cooperativa privata alla municipalizzata è stata approvata ieri dalla giunta comunale. Nella serata di oggi (30 aprile) l'atto, firmato dal sindaco Mimmo Conales, è stato pubblicato sull’albo pretorio.

E la novità sta proprio nel fatto che il Comune di Brindisi per la prima volta ha affidato a una società in house dei servizi in precedenza appaltati a un’azienda esterna, con l'obiettivo di risparmiare sui costi, senza compromettere (questo perlomeno nell’intenzione degli amministratori) la qualità del servizio.

L’appalto in questione riguarda 23 ex Lsu che dal 2000 sono impiegati in due scuole d’infanzia e in due asili nido comunali. Nell’aprile del 2014, la Servizi integrati ha rilevato l’appalto dal precedente gestore, la Consea Scarl, riassorbendo la platea dei lavoratori. Il contratto di affidamento venne impugnato dalla ditta giunta seconda in graduatoria, attraverso ricorso al Tar. Ma sia il tribunale amministrativo regionale che il Consiglio di Stato, alla quale la ricorrente si è appellata dopo la prima bocciatura, hanno confermato la legittimità dell’affidamento alla Servizi Integrati, la quale era pronta a firmare per un altro anno.

“Ma Contemporaneamente alla acquisizione della disponibilità della impresa uscente al rinnovo  - si legge nella delibera approvata ieri dalla giunta - ovvero all'affidamento temporaneo del servizio come sopra proposti, si riteneva opportuno considerare per la gestione dei servizi di che trattasi modalità alternative all'affidamento in appalto al fine di individuare tra gli strumenti a disposizione dell'Ente quello più rispondente all'interesse pubblico in termini di efficacia, efficienza ed economicità”.

Il Comune, insomma, ha ritenuto più conveniente passare il testimone alla Multiservizi. L’amministratore della municipalizzata, l’avvocato Francesco Trane, ha a sua volta dichiarato la propria disponibilità a farsi carico del servizio. Gli ex Lsu entrati nei ranghi della Multiservizi già da domani lavoreranno per il nuovo datore di lavoro, con contratto part-time da 30 ore a settimana. Si tratta di un passo importante per l’azienda, che vede concretizzarsi l’impegno del sindaco Consales di far allargare nei servizi e negli affidamenti la Multiservizi. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Appalto in asili e materne affidato alla Multiservizi: internalizzati 23 lavoratori

BrindisiReport è in caricamento